Dionisi tra botte e fischi: «Al 90′ tutto finito, siamo uomini» (di G.Lanzi)

 

di GIOVANNI LANZI
Giornalista epurato

 

 

L’attaccante ‘osservato’ speciale dei difensori e nel mirino dei tifosi emiliano risponde a schiena dritta
Dionisi tra botte e fischi: «Al 90′ tutto finito, siamo uomini»
“Lunedì c’è solo la vittoria ma dobbiamo continuare a prestare attenzione alle loro ripartenze”

 

 

Protagonista durante i 90’ ed anche dopo. Federico Dionisi è ormai il bersaglio mobile in campo e per i tifosi avversari. Anche nella serata dolce di Carpi ha dovuto sopportare la sua razione di ‘carezze’ e fischi.

Dionisi ha parlato ai microfoni di Sky: «È stata una partita difficile, ma lo sapevamo, è tre anni che li conosciamo ormai e sappiamo tutto di loro come loro sanno di noi. In queste partite è sempre una battaglia».

L’attaccante reatino è stato preso di mira sin dai primi minuti. Lui fa spallucce: «È vero c’è stato un po’ di nervosismo, ci sono stati tanti contatti ma a fine partita ci siamo abbracciati perché il calcio deve essere questo: quello che accade in campo non deve avere ripercussioni. Dobbiamo restare uomini, tutti».

Al ‘Cabassi’ si è visto un Frosinone compatto, forse un po’ troppo attendista perché memore di schiaffi che ancora fanno male: «Siamo stati attenti a non subire ripartenze, però potevamo fare sicuramente di più. Bravi anche a far girare palla però abbiamo preferito restare in una posizione più coperta, che non scoprisse il fianco alla loro migliore caratteristica, le palle in profondità, le accelerazioni improvvise. Nella prima frazione di gioco abbiamo fatto bene mentre nel secondo tempo ci siamo limitati ad amministrare».

Nemmeno il tempo di pensare troppo, lunedi sera c’è la partita che apre le porte alla finale: «Dobbiamo giocare per vincere, facendo particolare attenzione alle loro ripartenze».

E’ la specialità di casa-Castori, il Frosinone dovrà cercare di farla bruciare anche nel forno bollente del Comunale.

 

 

 

Foto: copyright Mario Salati per Alessioporcu.it, tutti i diritti riservati

 

Entra nella stanza di G.Lanzi con tutti i suoi articoli

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright