Marino, la gioia dopo il derby: «Vittoria meritata, un regalo per mia moglie»

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

 

di GIOVANNI LANZI
Giornalista temporaneamente senza carta

 

 

Il tecnico “E’ un passo importante, dobbiamo proseguire con questa mentalità”
«Vittoria meritata, un regalo per mia moglie»
E anche lui come Dionisi quando vede il Latina non… perdona

 

LATINA – Marino con il Latina ha perso solo una volta, quando era alla guida con il Pescara. E come Dionisi che al Latina fa gol a raffica, il tecnico siciliano quando vede neroazzurro fa… come il toro con il rosso.

Il tecnico canarino ai microfoni si Sky, prima di sedersi in sala stampa, è apparso rilassato. “Stiamo trovando il giusto equilibrio – ha esordito -, tutto sommato abbiamo disputato una gran partita. Mia moglie – rivela Marino – mi aveva chiesto un regalo per il compleanno, eccolo servito. E le faccio tanti auguri, se li merita visto che mi sopporta da tanti anni”.

I tre punti sono un viatico per la promozione? Marino getta acqua sul fuoco. Sa benissimo che il calcio è infido: “Ci auguriamo tutti di proseguire ma dobbiamo anche tenere questo atteggiamento. Mantenendo sempre l’attenzione giusta”.

Il tecnico giallazzurro ripercorre il campionato fin qui giocato: “Abbiamo avuto anche dei momenti di difficoltà, poi abbiamo ripreso un bel cammino. La società ha pensato ad un mercato ottimo. C’è tanta competizione, come d’altronde c’era stata nella prima parte del campionato. Ma era giusto mandare a giocare chi chiedeva più spazio”.

I cronisti di Sky strappano un altro sorriso a Marino. Ed è ancora la gentile consorte al centro dell’intervista: “In caso di promozione quale regalo le farò? Mi può chiedere quello che vuole, non ci sono limiti. Anche se la carta di credito ce l’ha lei…”.

Dopo le telecamere di Sky c’è il fuoco di fila delle domande in sala stampa. “Penso che la vittoria sia stata meritata – esordisce Marino in sala stampa -. Abbiamo avuto anche l’opportunità di chiuderla alla fine del primo tempo, abbiamo concesso poco ai nostri avversari. Siamo stati sfortunati sulla traversa di Sammarco, anche loro hanno avuto delle opportunità con Corvia e De Vitis ma non dimentichiamo le nostre per tutto il primo tempo e quella con Ciofani nella ripresa. Abbiamo tenuto bene il campo. Questa è una vittoria pesante e soprattutto abbiamo vinto dove non aveva vinto nessuno dallo scorso mese di aprile”.

Tre punti in ottica classifica, Marino non si lascia incantare: “E un passo importante, dobbiamo andare avanti con questa mentalità. Pensando sempre di non fare mai voli pindarici. Continuando con il lavoro quotidiano. Senza dimenticare, lo voglio ripetere, che la soddisfazione di questo successo che ci godiamo deriva dal fatto che abbiamo ottenuto tre punti contro una squadra che gioca bene, che aveva ottenuto tanti pareggi più vicini alla vittoria che alla sconfitta”.

Nel finale c’è stata sofferenza. Marino è tranquillo: “Mi sembra normale quando gli avversari sotto di una rete si buttano dentro. Hanno avanzato anche Brosco che ci ha creato un po’ di apprensione. Ma se chiudi la partita per tempo, con le occasioni che abbiamo avuto, tutto viene gestito. Se invece la partita è aperta, è chiaro che la palla pesi di più”.

Il Frosinone è andato a -1 dal Verona ed ha allungato su Spal e Benevento: “Fa piacere dei risultati delle altre avversarie dirette. A me però interessa anche che la squadra non abbia preso gol nelle ultime due partite”.

Marino difende a spada tratta la difesa sulla domanda di un collega di Latina che cerca il pelo nell’uovo: “La nostra linea di difesa si è comportata bene. Le occasioni più importanti sono state di Corvia e De Vitis ma una era anche viziata da un fallo. Alla fine abbiamo concesso pochissimo”.

Marino, come detto, è uomo-derby. Due su due da quando siede sulla panchina del Frosinone ma i precedenti con il Latina sono tutti a suo favore. Se lo aspettava così questo derby? “Mi immaginavo un derby difficile. Mi immaginavo contro una squadra organizzata che non aveva mai perso in casa. Rispetto all’andata, quando certi meccanismi erano ancora in fase di rodaggio, si è vista la crescita”.

Leggi qui la cronaca della partita Latina-Frosinone (di G.Lanzi)
Leggi qui le pagelle di G.Lanzi

Foto: copyright Frosinone Calcio, per gentile concessione

Entra nella stanza di G.Lanzi con tutti i suoi articoli

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright