Lo stadio “Stirpe” si tinge d’azzurro. Il 12 ottobre c’è il ‘Torneo 8 Nazioni’

Si disputerà a Frosinone l’importante gara tra l’Italia Under 20 e il Portogallo. Un altro passo verso la valorizzazione dell’impianto di viale Olimpia. “Siamo in una posizione strategica tra Roma e Napoli e poi le altre strutture, compreso l’Olimpico, non sono migliori delle nostre”, aveva detto il presidente Maurizio Stirpe

Alessandro Salines

Lo sport come passione

La valorizzazione delle strutture, ed in particolare dello stadio “Benito Stirpe”, è tra i punti cardine del nuovo corso del Frosinone. Nella conferenza stampa di fine giugno il presidente Maurizio Stirpe lo aveva detto a chiare note: gli investimenti sullo stadio continueranno e saranno completati i lavori programmati all’interno dell’impianto (il ristorante) ed intorno all’anello esterno. Una struttura che deve poter vivere al di là del campionato. Creare valore alla società e al territorio. Le amichevoli di Roma e Lazio, giocate il 31 luglio e il 14 agosto, vanno lette in questa direzione.

Ho proposto al presidente Gravina di far diventare lo “Stirpe” la casa della Nazionale femminile – ha svelato il patron giallazzurro – A giugno dovevamo avere la nazionale olandese, poi tutto si è spostato al Nord. Per noi sarebbe motivo di grande orgoglio. Anche perché altre strutture, compreso l’Olimpico, non sono migliori delle nostre”. L’Italdonne per adesso non verrà ma lo “Stirpe” si tingerà lo stesso d’azzurro. Martedì 12 ottobre infatti lo stadio di viale Olimpia sarà teatro della terza partita del prestigioso “Torneo 8 Nazioni” tra Italia e Portogallo. Una “classicissima” del calcio europeo. (Leggi qui Il settore giovanile cambia pelle. Lo “Stirpe” casa dell’Italdonne?).

UNA GRANDE VETRINA

Il Ct Alberto Bollini (Foto: Figc.it)

Il “Torneo 8 Nazioni” riparte dopo il lungo stop dovuto alla pandemia. In campo, oltre all’Italia, le Nazionali Under 20 di Romania, Norvegia (subentrate alla Svizzera e all’Olanda presenti nella precedente edizione), Portogallo, Inghilterra, Germania, Repubblica Ceca e Polonia.

La partita allo “Stirpe” rivestirà ancora più importanza perché sarà la prima in Italia dopo l’esordio a Lomza giovedì 2 settembre contro i padroni di casa della Polonia e la gara in Inghilterra il 7 ottobre. In programma, tra una partita e l’altra del Torneo, un’amichevole con la Serbia a Castel di Sangro il 6 settembre.

L’Under 20 azzurra è allenata dal ct Alberto Bollini e annovera i migliori talenti del calcio italiano. Serbatoio naturale dell’Under 21 e in taluni casi anche nella Nazionzale maggiore. Una vetrina importante per i campioni di domani. Mentre per lo stadio frusinate sarà un’occasione di mettersi in mostra a livello internazionale.

Un altro passo verso quel processo di valorizzazione al centro dei programmi societari.  

AZZURRI ALLO “STIRPE”

Lo stadio Stirpe

Lo stadio frusinate comunque ha già ospitato la Nazionale. Il 26 marzo del 2019 ha giocato l’Under 21 di Di Biagio un’amichevole contro la Croazia (2-2, a segno i futuri campioni d’Europa Bastoni e Locatelli) in preparazione agli Europei.

Un anno prima, il 22 febbraio del 2018, era stato il turno dell’Under 20 di Guidi impegnata in un test contro la B Italia terminato 2-2 (in rete Pessina anche lui oggi campione europeo). Il 14 novembre del 2017, a poco più di un mese dall’inaugurazione dello “Stirpe”, c’era stato il match vinto dall’Under 21 per 3-2 contro la Russia.

Aspettando la Naziona di Mancini, il 12 ottobre lo stadio di Frosinone tornerà azzurro. Anzi azzurrino.  

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright