Podio e contropodio. Pescara – Frosinone 0-2

Foto © Massimo Mucciante

Podio e contropodio di Pescara - Frosinone 0-2. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara.

Alessandro Salines
Alessandro Salines

Lo sport come passione

Podio e contropodio di Pescara – Frosinone 0-2. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara. Per osservarla anche sotto un altro punto di vista.

PODIO

Ciano

Gol ed assist. La partita perfetta per ogni attaccante. Ciano rientra titolare ed è tra i principali protagonisti della vittoria a Pescara, la quinta di fila in trasferta del Frosinone e che vale il terzo posto a tre lunghezze dalla vetta.

Con Novakovich l’intesa è ottima, il fantasista di Marcianise nel primo tempo sblocca il risultato (primo centro stagionale) su assist dello statunitense. Poi nella ripresa restituisce il favore al centravanti ex Reading.

Al di là della rete e dell’assist, la gara di Ciano è ricca di contenuti. Lavora molto per la squadra con grande spirito di sacrificio. Potrebbe segnare anche un altro gol ma non gli riesce il pallonetto sul lancio di Maiello. Spende molte energie tanto che al 22’ della ripresa Nesta lo sostituisce con Dionisi.

L’abbraccio del tecnico è di grande significato.

Novakovich

Anche per Andrija una partita da incorniciare. La partita che tutti gli attaccanti sognano. Gol, assist e tanto gioco. Si conferma elemento importantissimo nello scacchiere dei canarini, Con lui il Frosinone alza il baricentro ed ha un punto di riferimento.

Nell’azione del primo gol è caparbio, agile e preciso: vince il duello con l’esperto Scognamiglio ed offre un cioccolatino a Ciano. Nella ripresa è bravo a seguire l’incursione dello stesso Ciano ed a firmare lo 0-2 (seconda rete) con un colpo di testa schiacciato tipo smash tennistico.

Le parole di Nesta a fine gara sintetizzano al meglio il momento di Novakovich: “E’ un soldato, lavora bene. Sta crescendo tantissimo”

Maiello

È tornato il “generale” della zona delle grandi manovre. Parafrasi a parte è un Maiello extralusso quello che si sta esibendo in queste prime giornate. E non a caso Nesta non vuole rinunciarci. Cinque su cinque, mai sostituito. Percorso netto. Guida il centrocampo con qualità e acume tattico. Schermo ipnotico davanti alla difesa.

Lo trovi un po’ ovunque. Sempre lucido, palla incollata al piede e testa alta. È lui ad innescare Ciano in occasione del raddoppio. E quando nel finale esulta per aver conquistato un fallo di fondo intuisci che Maiello ha lo spirito giusto. Lo spirito dell’uomo-squadra.

Se vogliamo trovare una pecca, è l’eccesso di altruismo mostrato al 25’ della ripresa: da buona posizione poteva calciare in porta ed invece serve Dionisi che poi commette fallo di mano.

Pescara-Frosinone Foto © Massimo Mucciante

(Leggi qui la cronaca della gara: Ciano-Novakovich, a Pescara il Frosinone fa 0-2).

CONTROPODIO

Rohden

Giostra da trequartista, parte molto aggressivo, chiama il pressing. Non ha comunque lo spunto dei giorni migliori. Molto probabilmente non ha ancora recuperato al meglio dopo l’infortunio rimediato al ginocchio una settimana fa. Ed infatti al 24’ del primo tempo è in ritardo sull’invitante cross di Beghetto dalla sinistra. Un incursore come lui infatti ci va a nozze con quei palloni.

Con il passare dei minuti accusa un po’ di stanchezza e lascia il posto a Tabanelli.

Kastanos

Quinta presenza per il centrocampista cipriota. Un altro giocatore al quale Nesta non rinuncia perché gli garantisce equilibrio sia da mezzala che da interno puro. Tra l’altro all’Adriatico è uno degli ex.

Prova onesta, ma piatta. Qualche errore di misura. Ci si aspettava qualcosa di più sotto il profilo della personalità, anche se in questo periodo non ha mai tirato il fiato se si considerano le partite con la sua nazionale.

Tabanelli

Nesta gli regala quasi mezzora del secondo tempo con la partita incanalata sui binari giusti. Ci sarebbero quindi le condizioni giuiste per lasciare il segno ed invece il centrocampista romagnolo non riesce ad incidere.

Il suo valore è innegabile ed infatti il tecnico giallazzurro lo sta aspettando perché sa che può dare tanto una volta recuperata la forma. Dovrebbe osare di più contro un Pescara alle corde ed invece si limita a svolgere il compitino.    

Pescara-Frosinone Foto © Massimo Mucciante