Podio e contropodio di Frosinone-Spal 1-2

Podio e contropodio di Frosinone-Spal 1-2. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

PODIO

Parzyszek

Fa reparto da solo battagliando con difensori esperti e di valore come Vicari, Tomovic e Ranieri. Vince e perde duelli ma è sempre nel vivo del match. Partita di sacrificio, intelligenza e anche qualità come quando nella ripresa scheggia la traversa dopo un movimento da attaccante vero e botta dal limite.

Nel primo tempo ci aveva provato con un colpo di testa parato da Thiam. Pericoloso anche poco dopo il quarto d’ora della ripresa. L’attaccante polacco di settimana in settimana si sta calando sempre di più nella realtà frusinate.

Nel finale stremato lascia il campo a Novakovich.

Kastanos

Firma il primo gol in maglia giallazzurra con un inserimento puntuale ed una conclusione precisa. Peccato che la prodezza del cipriota non sia servita a portare punti alla causa. Rete a parte, la sua prova è ricca di contenuti.

Con Gori forma una coppia d’interni che sa farsi rispettare sia in fase d’impostazione che d’interdizione. Kastanos è uno di quei centrocampisti che strappa e cuce gioco regalando equilibrio all’assetto tattico della squadra a prescindere dal modulo.

Si conferma elemento importantissimo per il Frosinone di Nesta. 

Tribuzzi

Le assenze a raffica stanno regalando la scena ad un ragazzo che ha qualità importanti e tanta duttilità. Schierato da mezza punta a sinistra, costruisce la rete del vantaggio “scippando” la palla a Dickmann e servendo un assist al bacio a Kastanos.

Quando parte palla al piede e punta l’avversario verso l’interno può diventare molto pericoloso. In avvio di ripresa impegna Thiam dopo uno spunto interessante. Anche nel finale partecipa agli ultimi assalti impegnando il portiere emiliano.

Mostra grande temperamento e non tira mai indietro la gamba. Aveva ragione il direttore Ernesto Salvini che ha sempre creduto in lui. Le ultime prestazioni hanno destato l’attenzione del mercato: lo vuole l’Avellino dove ha già giocato ma difficilmente andrà via

L’abbraccio dopo il goal

CONTROPODIO

Szyminski

Il difensore polacco è uno dei centrali nella linea a quattro schierata per la seconda volta da Nesta. Deve francobollare il centravanti Floccari, secondo giocatore più anziano della Serie B con i suoi 39 anni. Il duello è molto difficile perché l’attaccante spallino non avrà più il guizzo dei tempi migliori ma ha mestiere da vendere.

Szyminski tiene botta anche se con qualche patema. La prova è tutto sommato sufficiente ma sul giudizio pesa l’esitazione che consente a Paloschi di anticiparlo e segnare dopo la respinta maldestra di Iacobucci.  

Iacobucci

L’incertezza sul lancio di Salvatore Esposito costa caro al Frosinone che subisce la rete del raddoppio e la conseguente sconfitta. Un errore marchiano per un portiere affidabile come lui che si è sempre fatto trovare pronto quando è stato chiamato in causa.

Sul primo gol degli emiliani non ha grandi colpe.  La Spal non lo impegna molto ma è sempre attento come nel primo tempo sulla conclusione di Valoti e nel secondo tempo sul tiro-cross di Sala.

Poi la frittata decisiva. 

Vitale

Nesta a sorpresa lo schiera da trequartista di sinistra con licenza di tagliare verso il centro. Il giocatore emiliano (un ex tra l’altro) ci mette tanta abnegazione e disciplina ma si vede lontano un miglio che non è il suo ruolo.

Talvolta perde un tempo di gioco rischiando l’errore sulla pressione degli avversari. Non è pulito come nella precedente gara col Pordenone. Insomma un mezzo passo indietro che ci può stare. Alla distanza cala.

D’altronde era la seconda presenza stagionale e la condizione non può essere ottimale.

Parzyszek in azione
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright