Sirene cinesi per Gori, tempi stretti (di G.Lanzi)

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

 

di GIOVANNI LANZI
Giornalista temporaneamente senza carta

 

 

Il club dell’Hanen Jianye partecipa alla Chinese Super League, il campionato più ricco del mondo
Sirene cinesi per Gori, tempi stretti
Il ‘gattusino’ ciociaro tra il contratto della vita e la fedeltà al club. Il precedente di Paganini

 

La Cina è vicina. Anzi, pare più vicina di quanto non si possa immaginare a Frosinone. E’ rimbalzata infatti ieri poco dopo l’ora della colazione (in Italia si chiama ancora pranzo) dal sito specializzato gianlucadimarzio.com la notizia che l’Henan Jianye, club cinese che milita nella Super League (la massima serie del Paese asiatico), stia cercando di arrivare al centrocampista giallazzurro Mirko Gori, prodotto del vivaio di casa. I cinesi guardano con interesse anche al mercato del campionato cadetto. Attraverso i loro emissari.

Il procuratore di Gori, l’avvocato romano Paolo Rodella, è anche l’agente dei fratelli Ciofani. Molto attivo, gran conoscitore del calcio, buoni contatti. La formazione cinese attualmente è quella che ha il minor costo complessivo della League One, poco più di 3 milioni di euro; la squadra con la minore età media del campionato, poco più di 25 anni e la squadra con il minor numero di stranieri, solo 3. Gori è anche il primo giocatore giallazzurro sul quale è caduto l’interesse di un club cinese. Ci sarebbe stata un’offerta ufficiale anche se il club canarino non ha confermato il contatto mentre il legale del giocatore non è stato rintracciabile.

L’Henan Jianye occupa attualmente il 13° posto nella scorsa Chinese Super League. Il campionato ora è fermo. Lo scorso 22 gennaio la squadra allenata da Jia Xiuquan ha disputato un’amichevole perdendo 1-0.

Adesso le parti dovranno mettere sul piatto tutto e valutare con attenzione le mosse. Il ragazzo dovrà valutare ad esempio con la massima serenità (e non è facile, considerata l’importanza del contratto) ad esempio l’impatto di un giocatore di 24 anni su un campionato asiatico, ricco ma ancora lontano anni luce dagli standard medio-alti di altri campionati europei. La società invece dovrà valutare la possibilità di ascrivere a bilancio una plusvalenza netta considerato che il ragazzo è costato zero euro alla voce cartellino mentre ha avuto certamente un costo alla voce ingaggi ma nemmeno avvicinabile ad esempio a quello di un Gucher trasferitosi al Vicenza.

La scorsa estate un altro prodotto del vivaio giallazzurro, Paganini, aveva avuto la possibilità di trasferirsi con il classico contratto della vita al Leganes nella Liga spagnola ma seppe tenere il punto e rinnovò il contratto con il Frosinone. Che gli è stato e gli sarà riconoscente.

Vedremo cosa accadrà per Gori. Prima c’è il Brescia. E tra sabato e domenica qualcosa di più chiaro ci sarà. Anche la possibilità che un club cinese riesca a chiudere una trattativa così delicata in appena 5 giorni, quelli che mancano al gong della sessione invernale del mercato.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright