Trapani-Frosinone – Sala Stampa Marino: “Grande reazione”

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

Giovanni Lanzi

 

di GIOVANNI LANZI
Giornalista temporaneamente senza carta

 

 

Il bomber abruzzese a quota 50 in maglia canarina. ” Serata perfetta, in gol anche mio fratello. Ci piacerebbe ripeterci in serie A”

Marino: “Grande reazione dopo il pari” Ciofani, nozze-gol d’oro con il Frosinone

Dionisi: “Sapevo che Daniel mi avrebbe messo quella palla. La nostra dedica a Paganini”

 

 

TRAPANI – Vincere a Trapani, due passi dalla sua Marsala, per Pasquale Marino vale doppio. Il tecnico, che alla vigilia aveva messo in guardia dalla disperazione dei granata, è soddisfatto ma ci tiene a non mostrarsi euforico: “Siamo partiti discretamente -– esordisce il trainer giallazzurro – passando in vantaggio subito. A quel punto abbiamo gestito bene il risultato fino alla ripresa del gioco quando, dopo qualche secondo, abbiamo subito la rete del pari”.

In occasione della rete del Trapani il tecnico giallazzurro ha mostrato tutto il suo disappunto, anche perché nello spogliatoio aveva messo in guardia i suoi proprio dalla reazione che la formazione di Calori avrebbe potuto mettere in campo ad avvio ripresa: “Dopo la disattenzione abbiamo reagito bene e grazie anche a qualche occasione fortunosa (Marino non parla mai direttamente degli errori del portiere granata Guerrieri, ndr) siamo tornati in vantaggio senza subire il Trapani fino alla fine”.

Giovedi durante la conferenza stampa prima della partenza aveva parlato di 4-4-2. Ma si era capito che al ‘Provinciale’ quell’’assetto (che comunque non è mai stato così ortodosso nelle precedenti uscite, fatta eccezione per la gara col Perugia in casa, ndr) avrebbe messo in campo qualcosa di diverso sul quale sta lavorando da tempo. “Il modulo di gioco? Avevamo bisogno di maggiore sostanza a centrocampo e quindi con cinque giocatori godevamo di buona densità nella zona centrale del campo e una discreta spinta sulle fasce laterali con Mazzotta e Matteo Ciofani. Durante la settimana -– ha proseguito Marino – prepariamo diversi approcci tattici e anche in base all’avversario che andiamo ad incontrare, grazie alla duttilità dei nostri giocatori, cambiamo la nostra impostazione tattica”.

Poi emerge naturale la soddisfazione. Di aver interrotto quella mini-serie negativa ma anche di aver preso, seppur provvisoriamente, la testa della classifica. “Abbiamo vinto e sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi, perché è sempre importante esprimersi con un certo tipo di atteggiamento – conclude Marino -. La squadra si è espressa bene sia nel concretizzare che nel gestire la gara. Venivamo da tre partite con due pareggi ed una sconfitta e quindi oggi dovevamo necessariamente voltare pagina”.

Nella zona mista per il Frosinone si presentano i due bomber, Dionisi e Daniel Ciofani. “E’’ stata la miglior risposta – dice l’’attaccante abruzzese – anche perché arrivata su un campo che ti fa giocare quasi un altro sport. Il Trapani? Squadra in difficoltà ma con buone individualità che non merita la classifica che ha. Noi abbiamo giocato con la mentalità della squadra provinciale ed abbiamo saputo soffrire il giusto”.

Ha firmato il gol numero otto in campionato, il numero 50 con la maglia giallazzurra. “Prima di venire qui avevo pensato: il mio primo gol con la maglia del Frosinone lo realizzai a Trieste, ora siamo a Trapani… Il suffisso ‘tr’ porta fortuna, dalle Alpi al.. mare della Sicilia, al sud Italia. Bello comunque fare gol insieme a mio fratello. Era successo anche in lega Pro, adesso ci rimane magari di farli insieme in serie A”.

Una rete con la benevola complicità… “S젖 dice Daniel Ciofani – una rete anche abbastanza fortunosa ma siamo stati bravi a non disunirci dopo il loro pareggio. A fare il secondo, il terzo, il quarto. Bravi con la mentalità della grande squadra. Un po’ come fa la Juventus, che sa soffrire e poi le partite le vince”.

“Fa piacere che abbia segnato Federico, un grandissimo gol – prosegue Daniel – . E poi quando si vince, segno io, segna anche mio fratello, segna Olly (Kragl, ndr) allora è la serata perfetta. Ci godiamo questa vittoria, ci guardiamo le altre e vediamo cosa faranno e prendiamoci anche questi due giorni di riposo”.

“Una bella soddisfazione per la vittoria dopo qualche passo falso – dice l’’altro bomber di serata, ovvero Federico Dionisi, ai taccuini dei cronisti -. E sono contento anche per esser tornato al gol. Quando ho visto che il pallone andava a Daniel sono andato convinto sul pallone perché sapevo dove me lo avrebbe dato”.

Dopo il gol un urlo liberatorio. “Sì, era per me ed anche per Luca  (Paganini, ndr), un ragazzo che sappiamo quanto è importante per noi. Vittoria dedicata a lui, gli siamo vicini”.

E adesso si volta pagina. Il Frosinone nel frattempo si attesta a quota 35, battendo il record di 34 punti alla fine del girone di andata nella stagione della promozione, con ancora due partite da giocare.

“Una serata perfetta – ripete Dionisi – perché venivamo come detto da qualche passo falso. Questa vittoria ci dà fiducia, morale, spinta per affrontare le prossime due partite prima della sosta. A cominciare dal Benevento in casa, che va preparata nel migliore dei modi. Uno scontro diretto, sfida importantissima. Che ci teniamo a vincere per fare anche gli auguri di Natale ai nostri tifosi”.

In serata il ritorno in albergo, domattina il rientro a Roma da Palermo.

§

Trapani-Frosinone – La cronaca della partita

Trapani-Frosinone – Le pagelle di G.Lanzi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright