Alessandra Mandarelli

Il ‘Padre padrone’ e il ‘Giovane vecchio’: non è tempo di Pasionaria

Schietroma e Iacovissi, allibiti dal J’accuse della dissidente Mandarelli, ormai la più votata nel Campo largo di Frosinone. «Nella vita ho aiutato tanti. Molti sono grati, lei no», controbatte Schietroma. Ma anche l’ormai consigliere Psi non se la tiene: «Sto da vent’anni nel Partito? Un merito, non una colpa. E senza ottenere mai ruoli amministrativi»

Le tre vite della Mandarelli: Socialista, con Renata, di nuovo con Memmo

Già assessora nella Giunta Marrazzo e consigliera regionale con la Polverini, oggi è la più votata nel Campo costruito attorno al Pd. «Schietroma e Ottaviani mi volevano fare fuori, ma non ci sono mai riusciti». Eletta con la lista civica dell’ex sindaco Marzi, con cui cominciò vent’anni fa. «L’ho fatto solo per lui, che mi tratta da sempre come un politico e non come donna o quota rosa». I retroscena della cacciata dalla Regione

Il modello Marzi al quale guarda De Angelis

Il leader del Pd vuole vincere al Comune di Frosinone e sta costruendo una coalizione come quella del 2002. Con l’obiettivo di scomporre (letteralmente) il centrodestra: perciò il pressing su Gianfranco Pizzutelli, Carmine Tucci e Carlo Gagliardi. Avviato il confronto con Michele Marini, che però non verrà inseguito per sempre.

Le primarie come un casting. Ottaviani si gioca tutto

Ad un anno dalle elezioni nel capoluogo l’elenco dei possibili candidati del centrodestra continua ad allungarsi. Ma così si prepara il terreno all’avocazione da parte del tavolo regionale dei partiti. Uno scenario che Nicola Ottaviani non può permettersi.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright