Alfieri

Ciociaria 2020, l’anno dell’estinzione politica

Nella Lega i parlamentari non sono riconosciuti come Capi dalla base, Fratelli d’Italia non può farcela senza una sponda, mentre in Forza Italia Mario Abbruzzese è tentato dalla strategia renziana del pop corn. Nel Pd restano i veti incrociati delle correnti: servirebbe un segretario vero, uno con il profilo di Bruno Astorre. I Cinque Stelle? Oltre Rousseau, poco o nulla.

2 Condivisioni

Provincia, quei quattro in cerca del tris

Nel Partito Democratico Massimiliano Quadrini, Germano Caperna e Domenico Alfieri puntano ad allungare una striscia vincente iniziata nel 2014. Mentre nel centrodestra c’è l’inquieto Gianluca Quadrini, che ha “rotto” sia con Abbruzzese che con Pallone. Ora balla da solo.

2 Condivisioni

Pd, perché servirebbe il congresso provinciale

Il nuovo corso di Nicola Zingaretti è iniziato, ma in Ciociaria restano tanti nodi da sciogliere e problemi da risolvere. A cominciare dalle situazioni di Cassino e Frosinone, dove si fa finta di non vedere che nessun passo avanti è stato effettuato

2 Condivisioni

Frosinone, la frittata del gruppo consiliare del Pd

La doppia candidatura alle provinciali (Vincenzo Savo e Alessandra Sardellitti), la minaccia di espulsione per chi si fosse candidato in altre liste e la prospettiva di ritorno anticipato alle urne. I Democrat non hanno fatto tesoro delle sconfitte del passato recente.

2 Condivisioni

Il congresso provinciale del Pd può attendere, le candidature (forse) no

Con la stagione elettorale alle porte difficile che si arrivi all’assemblea provinciale in tempi rapidi. Continuerà a guidare Domenico Alfieri. Ma nel caso di politiche e regionali anticipate si dovrà correre. Quattro le certezze: Buschini e Battisti ancora in corsa alla Pisana, De Angelis e Pompeo per Camera e Senato. E gli altri?

2 Condivisioni

Pd, la regola di Alfieri e le spaccature del passato

L’ultima volta a Cassino erano impossibili le manifestazioni unitarie, a Frosinone la divisione tra Marzi e Marini fu durissima, perfino alla Provincia nel 2014 ci fu spaccatura. Ora però serve anche una vera mediazione. Altrimenti l’unico risultato sarà quello di trasformare i dissidenti in franchi tiratori.

2 Condivisioni