Alfredo Pallone

“Ecco chi fece cadere D’Alessandro ed ha ucciso il centrodestra”

I giochi su tre tavoli. Perché all’ultimo momento abbandonò De Angelis ed appoggiò Scalia facendo diventare Pompeo presidente della Provincia. Tutta la verità di Abbruzzese. Quella notte in cui nacque Ncd: “Pregai Alfredo di non andare”. La caduta del centrodestra a Cassino: “Ero un bersaglio, volevano colpire me, hanno ucciso una generazione politica”

Quelli della Prima Repubblica…

Il ritorno in grande stile di Angelo D’Ovidio (Udc). La manovre felpate e micidiali di Mario Abbruzzese (Coraggio Italia). La forza elettorale di Antonello Iannarilli e le pennellate di Alfredo Pallone, entrambi in Fratelli d’Italia. Ma anche il peso politico di uno che non è mai andato via: Francesco De Angelis. I “mostri sacri” dicono la loro e sono sempre più… ingombranti.

Se Fratelli d’Italia non sfonda al centro

Il monito di Guido Crosetto a Giorgia Meloni è destinato ad incidere. E anche in Ciociaria alcuni nodi vanno sciolti. L’entrata di gente come Antonello Iannarilli e Alessia Savo, così come il guardare ad un big come Alfredo Pallone, non ha molto senso se poi alla fine la vecchia guardia chiude tutti gli spazi. E la leadership del centrodestra rimane lontana.

Evangelista: “Non mi manda Picano”

Le quattro cene che spiegano cosa sta accadendo in Fratelli d’Italia. La pretesa di Evangelista: fare il portavoce a Cassino. Scavalcando Picano ed Abbatecola. L’intervento di Alfredo Pallone. Il confronto con Carlo Maria D’Alessandro

La rivoluzione silenziosa del potere politico in Ciociaria

Sara Battisti e Mauro Buschini nel Pd, ma anche Claudio Durigon e Francesco Zicchieri nella Lega. Ma pure Pasquale Ciacciarelli. E poi Massimo Ruspandini in Fratelli d’Italia, Ilaria Fontana e Loreto Marcelli nel Movimento Cinque Stelle. Si tratta di capire su chi puntare in Forza Italia. Nel Lazio e in Ciociaria il ricambio (perfino generazionale) c’è stato. Ma in pochi se ne sono accorti.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright