Beatrice Mancini

Bea ricomincia da Clam: la mela non cade mai (troppo) lontano dall’albero

La regista Beatrice Mancini in anteprima nella sua Ceccano con la performance “Ricomincio da Clam – Chi si ferma è perduto”. È incentrata su poesie e componimenti di suo padre Claudio: L’Inclito, figlio illustre della città, nipote di un Deputato del Regno d’Italia. Renna li definì «versi corrosivi», la figlia li ha trasformati in uno spettacolo

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright