Benedetto Vecchio

Benedetto Vecchio, il restauratore che chiuse la bottega e iniziò a suonare

Il solfeggio appreso dallo zio ad 8 anni. La prima esibizione con una chitarra a dieci. L’incontro con Eugenio Finardi e Bennato. La nascita dei Musicisti del Basso Lazio. L’orgoglio borbonico. E la decisione di chiudere il negozio da restauratore, ben avviato: “Scusate ho qualche concerto da fare”

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright