Bettino Craxi

Da Stalingrado ciociara a roccaforte di patrioti

Una città che ha fatto dell’originalità un tratto distintivo. Con meno contraddizioni di quanto sembri. Quando tutti erano democristiani era rossa. Ed oggi è la cittadina più a destra d’Italia forte della sua vocazione alla rottura.

I dilettanti al potere

La levata di scudi dei presidi per le disposizioni sugli esami di Terza Media sono l’ulteriore dimostrazione di inefficienza di ministri che compongono questo Governo. Sul quale pesa la figuraccia della scarcerazione per i mafiosi, le frasi imbarazzanti sullo Stato nelle imprese. Non è gente adeguata per ricostruire il Paese

Quando Craxi si occupò della Giunta di Frosinone

La storia di quel 1991 in cui Bettino Craxi mise mano di persona alla giunta comunale di Frosinone. Lacerata da uno scontro interno. Tra chi chiedeva la testa di Marco Ferrara e chi lo sosteneva. Colpevole di avere varato la prima ‘sfiducia costruttiva’ in un capoluogo italiano. Sullo sfondo la caduta del sindaco Peppe Marsinano. E la salita di Lucio Valle

Peppino Paliotta: da Esperia ad Hammamet nel nome di Craxi

Gli anni del Pentapartito. Il Socialismo riformista e la Milano da bere. Ascesa e caduta del Psi di Bettino Craxi. Peppino Paliotta e quegli anni. Nei quali il Segretario Nazionale sentiva tutti i segretari provinciali. Ed interveniva. Lo scontro fratricida con Alfredo Pallone. Il braccio di ferro per l’ospedale di Cassino. Fino alle monetine al Raphael ed Hammamet

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright