biometano

Via al biodigestore ma tutti pensano ad altro

Il via libera all’impianto per produrre il metano in maniera green ad Anagni. Il tavolo con tutti gli enti interessati ammette: è sicuro. Ma nessuno ora discute su cosa significa sul piano economico, industriale, per le bollette dei cittadini, i posti di lavoro che si potrebbero salvare. Si pensa solo a trasformarlo in polemica politica. Perché ci sono le elezioni.

Biogas 4.0, la Lombardia ha fatto ciò che Vigo propose

L’idea era stata messa a punto anni fa in Ciociaria. Nessuno volle ascoltare il professor Paolo Vigo. Proponeva di trasformare la Valle del Sacco coltivando prodotti in grado di generare nuovi combustibili. Gli hanno dato retta in Lombardia. Dove ora sta arrivando a risultato il progetto Biogas 4.0: biodigestori senza rifiuti

Roma si fa il termovalorizzatore: via i rifiuti, diventano energia

Roma annuncia che si farà un termovalorizzatore. Senza commettere gli ‘errori’ di San Vittore del Lazio: non solo energia ma anche riscaldamento. La norma che vietava nuovi impianti? “Nata da cifre del tutto sbagliate fornite dall’amministrazione Raggi”. Verso una revisione del piano? In dubbio le scelte su Colleferro

Anagni dice no al bio, Bolzano dice si

Il paradosso di Anagni. Dice no al gas green (che per funzionare deve essere chiuso in maniera ermetica) ma dice si ad un impianto per trattare i rifiuti urbani. L’esatto contrario di quanto sta facendo in queste ore Bolzano. Che ha chiamato uno dei 100 giovani talenti italiani per ampliare il suo impianto per il metano verde

Il pressing di Draghi che rischia di arrivare tardi

Mario Draghi in pressing sul Parlamento Ue. Chiede misure a sostegno dell’Ucraina: “Il gas rimane un utile mezzo per affrontare la transizione”, ma “dobbiamo prima di tutto puntare sulle rinnovabili” “Snellire le procedure” “Investire sullo sviluppo del biometano”. Non bisognava aspettare bombe e morte.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright