Canapa

Il team dell’Alfiere, Gaia e le tre vite della canapa

La Green Valley? È solo l’inizio. Perché per la bonifica si può usare la canapa industriale. Che poi viene trasformata in mascherine naturali anti Covid. E, per non buttare via niente, diventano cemento per la bioedilizia. Con questo progetto Engine4You, guidata dall’Alfiere della Repubblica Francesco Maura, ha stravinto il contest in Bioeconomia della regionale Startupper School Academy

L’esempio pericoloso di Roccasecca per chi teme il futuro

Come va letta l’inaugurazione del primo ufficio della Transizione Ecologica in provincia di Frosinone. I test nella Green Valley a Roccasecca. Il ruolo dei rifiuti: destinati a diventare un bene strategico. Come l’acqua. La necessità di un’agenda. I fondi ci sono. Il colosso A2A: ‘Pronti ad investire. Ma occorrono norme e garanzie

Dalla “BioSacco Valley” alla “Green Valley”

Ceccano collaborerà con il Cosilam ed il Comune di Roccasecca nella sperimentazione intensiva della canapa industriale. Per verificare quanto disinquina. E la qualità della materia prima. Dalla quale ottenere bio plastiche ecologiche per sostituire quelle tradizionali

Bio plastica dalla canapa: la nuova sfida di Roccasecca

Conferenza stampa al Consorzio industriale Cosilam. Via alla sperimentazione della Green Valley: la coltivazione di canapa industriale per bonificare i terreni e trasformarla poi in imballaggi per sostituire la plastica. Si faranno ricerche per realizzare plastiche bio.

Green Valley, Enea dice si. Pronta ad entrare nel piano

Clamoroso balzo in avanti per il progetto con cui creare una Green Valley a Roccasecca. L’ente di Stato per le nuove energie Enea ha detto si. È pronto a partecipare con Cosilam ed Unicas. Il tema del Casello: costa tanto. Si pensa di coinvolgere la Regione. Per iniziare a ristorare Roccasecca.

Una Green Valley a Roccasecca: Cosilam studia tre eco fabbriche

Un maxi progetto green per riqualificare la zona industriale di Roccasecca. Lo anticipa il presidente del Cosilam marco Delle Cese durante l’asselmbela per l’approvazione del Bilancio. Si ipotizzano tre fabbriche bio. Coltivazione di canapa industriale, produzione di imballaggi industriali con cui sostituire la plastica. Asfalti ottenuti dalle fibre di legno. Metano ricavato dagli scarti delle cucine. Soprattutto: bonifica della zona per anni interessata dai rifiuti.