Circular Economy

Molto Circular ma poco green: la sfida parte dalla Ciociaria

I dati sorprendenti di Circonomia, il festival nazionale dell’economia circolare. L’Italia è prima in Europa, davanti a Danimarca e Germania. Il caso del Lazio. Gli esempi di Frosinone con le sue circular factory. Gli errori? Comportamenti poco green in casa: consumiamo troppa corrente, differenziamo poco, boche bici e troppe auto

Battiamo le mani a Greta ma l’egoismo ci seppellirà

L’analisi di un guru dell’ambiente come Stefano Ceccarelli. I No hanno senso se a seguire ci sono dei Si in alternativa concreti. Troppi sono rimasti ad un’idea di ambientalismo che andava bene nel Novecennto. L’inutile conflitto sul metano green. La necessità di informare bene. E far conoscere. Perché le risposte ci sono

Quei sindaci troppo arretrati che rischiano di condannare tutti

Fino a Firenze solo occasioni. A sud di Grosseto solo pretesti per creare polemiche. Ecco perché siamo sempre più arretrati. E perché rischiamo di vedere sfumare occasioni. Colpa anche di sindaci rimasti ancorati agli schemi degli anni Settanta senza rendersi conto che è passato mezzo secolo

I sindacati ad Anagni demoliscono la fabbrica del Novecento

La decisione presa venerdì da Cgil – Cisl – Uil di schierarsi in difesa del sistema industriale di Anagni manda all’aria uno schema di fabbrica del Novecento. E rilancia il ruolo dei sindacati. Che non vogliono altri interlocutori in mezzo. Soprattutto se hanno “atteggiamenti pretestuosi ed inutili, entrando nel merito di progetti complessi di cui non hanno alcuna conoscenza e competenza”

I No dei ‘quaquaraquà’ ed i silenzi degli omminicchi

Troppi No senza senso hanno fatto perdere grandi occasioni alla provincia. La gente spesso ha fatto bene a pronunciarli. Male invece hanno fatto i quaquaraquà che li hanno spinti. Ci siamo giocati il teleriscaldamento, abbiamo rischiato la Tav, il nostro futuro industriale è in bilico. I No sono un pericolo se non c’è un confronto. Che la politica non ha il coraggio di affrontare. Perché non è autorevole.

Quel Pd che sui rifiuti gioca su due tavoli

La riunione tra Regione e Ministero per evitare il caos su Roma. E che mettere di nuovo Roccasecca in pericolo. La telefonata al sindaco Sacco. Il Pd che non può giocare su due tavoli. Come sta accadendo ad Anagni. La mossa d’anticipo di Forza Italia.

Natalia: «Una Forza Italia più green e moderna»

L’Agenda green per Forza Italia. A scriverla è il sindaco di Anagni Daniele Natalia. Forte dell’esperienza che ha devastato l’ambiente della sua città. Ma anche delle moderne soluzioni già sperimentate. Vuole aprire un dibattito nel Partito

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright