Durigon

Ciociaria 2020, l’anno dell’estinzione politica

Nella Lega i parlamentari non sono riconosciuti come Capi dalla base, Fratelli d’Italia non può farcela senza una sponda, mentre in Forza Italia Mario Abbruzzese è tentato dalla strategia renziana del pop corn. Nel Pd restano i veti incrociati delle correnti: servirebbe un segretario vero, uno con il profilo di Bruno Astorre. I Cinque Stelle? Oltre Rousseau, poco o nulla.

2 Condivisioni

Top & Flop * Mercoledì 5 giugno 2019

Top & Flop di giovedì 6 giugno 2019. La paralisi di Zingaretti non è incapacità di decidere ma strategica attesa. Nessun altro sindaco della Lega in Italia può permettersi di dire e fare ciò che Ottaviani sta facendo su moschea e Lazio Pride. L’Europa ci boccia e nell’elenco delle catastrofi mette Qota 100 di Durigon. L’eloquente silenzio di Fardelli

2 Condivisioni

La strategia perfetta dello zar Nicola: anche nella Lega sta facendo quello che vuole

Il sindaco di Frosinone è entrato, non si è candidato alle europee, ha battuto un colpo alle provinciali, ha siglato una tregua armata con Zicchieri e ora attende l’esito delle elezioni. Ma non quelle europee, bensì le comunali di Cassino e Veroli. Perché dopo il 26 maggio può prendersi il partito. La sponda di Giorgetti.

2 Condivisioni