Fabio Tagliaferri

Il profilo di Mastrangeli sulle Primarie

Il ‘ministro delle Finanze’ di Nicola Ottaviani dice Ni alla sua candidatura. “Se si verificano le condizioni. Ora non ci sono”. Non è un No. E Ottaviani è al lavoro. Le mosse di Tagliaferri: il primo voto al Quirinale non gli è favorevole. E quelle di Vicano

Il muro di Nicola Ottaviani sulle primarie a Frosinone

Il sindaco non crede al tentativo di Fabio Tagliaferri per trovare una sintesi. Insomma, il braccio di ferro tra Lega e Fratelli d’Italia va avanti. In ogni caso bisognerà anche capire cosa faranno tutti i protagonisti, che obiettivamente finora non hanno mai dato la sensazione di poter trovare una soluzione condivisa

Il diktat di Lollobrigida e lo scatto di Tagliaferri

Come si legge l’intervento del numero due di Fratelli d’Italia. Riporta il Partito nel centrodestra a Frosinone e poche ore dopo il sindaco e coordinatore provinciale della Lega annuncia la data delle primarie. Che Tagliaferri ora è legittimato a far saltare: se il 27 febbraio riuscirà a portare un candidato unitario che le renderà inutili

Vicano scende in campo: andrà al tavolo del centrosinistra

Svolta per le Comunali di Frosinone. Vicano partecipa al tavolo del centrosinistra: primo passo verso la candidatura. I Socialisti vanno soli: “Il Pd non ci ha cercato per 5 anni né a Frosinone né in Regione”. Al vertice di centrodestra assenti Pizzutelli, Tucci e Gagliardi. Antonio Scaccia scalda i motori: Chiappini coordinatore. Lollobrigida interviene per spegnere gli incendi tra i FdI

Il dopo Ottaviani che allarma il centrodestra

Senza il collante dell’attuale sindaco la coalizione ha conosciuto tre sconfitte consecutive nel capoluogo. Adesso si apre una fase nuova e molto complicata, nella quale Nicola Ottaviani dovrà garantire la compattezza dell’alleanza anche senza la fascia tricolore. Ma non è semplice.

Il bombardamento di Possibile e lo scacco di Tagliaferri

Il partito di Gianmarco Capogna dà l’altolà al Pd ma soprattutto a Mauro Vicano e Gianfranco Pizzutelli. Il leader di Fratelli d’Italia, con la mossa di Fabio Tagliaferri, si è ripreso il partito nel capoluogo e ora detta le condizioni. Le comunali di Frosinone sempre più ad altissima tensione.

I feudi di un centrodestra perennemente diviso

Le strategie non finiranno certo con le comunali di Frosinone. Poi bisognerà votare in tanti altri centri e la coalizione non dà segnali di una vera unità. Ma esiste un altro fronte: quello interno ai singoli Partiti.

Fratelli d’Italia e Psi, le mine vaganti a Frosinone

Il Partito di Massimo Ruspandini non intende essere subalterno alle logiche del centrodestra di Nicola Ottaviani, mentre i Socialisti di Gian Franco Schietroma non sopportano il ruolo delle civiche trasversali e la prospettiva del Campo Largo. Potrebbero giocare un ruolo decisivo, magari al ballottaggio. Ma Lega e Pd la pensano diversamente.

Elezioni, fine delle chiacchiere: a Frosinone ora si fa sul serio

Ieri sera il vertice del centrodestra. Oggi tocca al centrosinistra. Ottaviani sapeva benissimo che Polo Civico e Lista Tucci non avrebbero partecipato al vertice di  ieri sera. Cercherà di tenere dentro Fratelli d’Italia, ma nel suo nuovo ruolo di regista la priorità è l’unità di una coalizione che può allargarsi al centro. E confida tutto nel ballottaggio.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright