Formisano

Nessuno convoca il tavolo del centrodestra

Sono finiti da un pezzo i tempi di Iannarilli, Foglietta e Formisano. La coalizione però a livello provinciale resta largamente maggioritaria. Il fatto è che Mario Abbruzzese, Massimo Ruspandini e Francesco Zicchieri non si fidano l’uno dell’altro sul piano politico. La conseguenza è che nessuno prende l’iniziativa. Quindi c’è Alfredo Pallone.

2 Condivisioni

Coppie e solisti della politica provinciale

All’inizio non ci fu storia: Antonello Iannarilli e Alfredo Pallone non facevano toccare palla a nessuno. Poi arrivarono Francesco De Angelis e Francesco Scalia. Ma ci fu pure lo scontro tra Franco Fiorito e Mario Abbruzzese. Anna Teresa Formisano regina incontrastata dell’Udc. Nicola Ottaviani, uno splendido solista.

2 Condivisioni

Nascosti tra le righe, tutti i dubbi del professore

La recessione italiana, se dovesse esserci, non sarà colpa di quella tedesca. La crisi dell’Automotive di Berlino non contagerà Cassino Plant. Sono scenari diversi. E le soluzioni saranno diverse perché i provvedimenti messi in campo dai governi sono all’opposto

2 Condivisioni

Da Scalia a Pompeo: come sono cambiate le visioni trasversali di marca democristiana

L’ex senatore ha firmato pagine celeberrime con le intese con Anna Teresa Formisano e Alfredo Pallone. Sempre con l’obiettivo di arginare Francesco De Angelis. Il presidente della Provincia, invece, non si preoccupa di questo e vuole un movimento di amministratori come laboratorio. Non necessariamente nel Pd.

2 Condivisioni

Ciociaria, quanto dureranno i politici di oggi…

Quanto dureranno ai vertici i vari Luca Frusone, Massimo Ruspandini e Francesco Zicchieri? Raggiungeranno mai i quattro mandati di Romano Misserville o i tre di Bruno Magliocchetti e Lino Diana? Per non parlare della longevità politica di gente come Francesco De Angelis, Alfredo Pallone e Gian Franco Schietroma

2 Condivisioni

Quanti posti da aggiungere al tavolo del Centrodestra?

Domani il vertice della coalizione per provare a individuare il candidato unitario alla presidenza della Provincia. Ma in Forza Italia e Noi con l’Italia ci sono divisioni interne notevoli, mentre la Lega non vede l’ora di sbattere la porta in faccia agli alleati. E qualcuno comincia a rimpiangere i tempi di Iannarilli, Foglietta e Formisano. E Fiorito

2 Condivisioni