Ignazio Portelli

Con chi ce l’aveva Portelli

Con chi ce l’aveva il prefetto Ignazio Portelli. A chi era rivolto il messaggio lanciato durante la cerimonia del 4 Novembre. C’è molto su cui riflettere. E vigilare.

L’urlo di Ignazio Portelli

L’ultimo messaggio del prefetto di Frosinone. La Ciociaria è terra di mafia e di camorra. Dove tutti hanno fatto finta di non sapere. Perché conveniva così. C’è stato silenzio. A ridosso della complicità

Portelli: «Sempre le solite pastoie». Caligiore: «Non è colpa nostra»

Il prefetto di Frosinone si spazientisce e diffida il sindaco di Ceccano ad avallare i documenti contabili del 2020 entro il prossimo 31 agosto. Il rendiconto verrà approvato tra una settimana. Per il bilancio di previsione ci sarà tempo fino al 15 settembre. Ma per Sua Eccellenza «è incredibile che l’amministrazione comunale sia sempre nelle stesse pastoie». E il primo cittadino non se la tiene

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright