Ilva

La prova che stiamo affondando (di A. Porcu)

La lettera con cui il premier chiede “Portate idee per Taranto” è la drammatica ammissione che non c’è un piano. Per la Siderurgia così come per l’Automotive e per lo sviluppo industriale del Paese. I rischi per il territorio. nel silenzio di tutti.

Ecco l’Italia a Cinque Stelle: la banalità del colare a picco

No alle Olimpiadi, no all’Alta Velocità, no alle grandi opere, no agli impianti per smaltire i rifiuti, reddito di cittadinanza al posto del lavoro, ecotassa per complicare il mercato dell’auto, giustizialismo giacobino e tintinnar di manette. Ma il disastro sull’Ilva batte ogni record e scoraggia gli investitori internazionali. Perché il Pd di Zingaretti non prende le distanze?

L’incomprensibile esultanza dell’onorevole Enrica

Il M5S esulta per la vendita dello stabilimento di Patrica insieme a tutto il gruppo siderurgico Ilva di Taranto. Una vendita in blocco che deriva da una serie di garanzie chieste e ottenute dall’allora senatore Francesco Scalia. Che il ministro Calenda aveva già definito.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright