Partito Democratico

Mai visti due ceccanesi in Segreteria. «Spero anche per il rilancio del Pd»

Emanuela Piroli, entrata nella Segreteria provinciale con Mariano Cavese, si augura che «la doppia nomina sia anche per rilanciare il Pd a Ceccano oltre che per via dei risultati delle correnti». Andrea Querqui, invece, è certo che «non dividerà ma rafforzerà il Centrosinistra contro un Centrodestra logorato dagli anni di governo».

«Se non regge il confronto, non è Politica per il Capoluogo»

Angelo Pizzutelli, capogruppo consiliare del Pd Frosinone, pretende ancora risposte sul “Caso Cinaglia”. E commenta l’assolo del sindaco Mastrangeli in Piazza (dello Scalo). Centrodestra a parte, vuole una Segreteria cittadina «radicata sul territorio» e tifa «contro lo scollamento con il Psi»

Nessun uomo è un’isola. Tranne che in Politica

Vincenzo Iacovissi, capogruppo consiliare e vicesegretario nazionale del Psi, era e resta una parte indipendente del tutto: il Centrosinistra. Del Pd tende a non condividere «né modi né toni né contenuti». E dialoga con la fibrillante Amministrazione di Centrodestra: «Un’opposizione costruttiva, senza assalti»

«Chi corre? Magari io, Emanuela o Mariangela»

In tanti lo danno già per futuro candidato sindaco di Ceccano. Querqui, però, non spintona le alleate Piroli e De Santis e apre alla collegialità nel Centrosinistra. «Si decida a Ceccano, considerando per primi noi tre – auspica -. Senza Primarie e condizionamenti, che lasciamo al Centrodestra»

Frosinone, in volo falchi e colombe

Gli sherpa sono in campo. Carfagna e Piacentini cercano di ricucire la maggioranza. FdI resta leale. Ma in caso di nuove elezioni non è detto che rinunci di nuovo ad esprimere il sindaco. Cambiando del tutto l’orizzonte

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright