Massimo Ruspandini

La rivoluzione silenziosa del potere politico in Ciociaria

Sara Battisti e Mauro Buschini nel Pd, ma anche Claudio Durigon e Francesco Zicchieri nella Lega. Ma pure Pasquale Ciacciarelli. E poi Massimo Ruspandini in Fratelli d’Italia, Ilaria Fontana e Loreto Marcelli nel Movimento Cinque Stelle. Si tratta di capire su chi puntare in Forza Italia. Nel Lazio e in Ciociaria il ricambio (perfino generazionale) c’è stato. Ma in pochi se ne sono accorti.

Così la Lega vuole isolare Fratelli d’Italia. Anche in Ciociaria

La campagna acquisti del partito della Meloni è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Con il passaggio di Franco Evangelista, organizzato da Picano e benedetto da Ruspandini. Il Carroccio risponde: asse con Forza Italia ovunque, da Frosinone alla Provincia. E alle politiche se necessario. Inizia la “guerra”.

Non solo rogne. Parola di segretario politico

Oggi fare il responsabile provinciale di un Partito comporta più problemi che soddisfazioni. Basta vedere Luca Fantini, Nicola Ottaviani, Massimo Ruspandini, Daniele Natalia, Adriano Piacentini, Rossella Chiusaroli. Però alla fine l’ultima parola sulle candidature ce l’hanno loro. E allora…

Il trappolone di Lega e “azzurri” ai Fratelli d’Italia

Il Partito della Meloni è primo, ma solo nei sondaggi. Nella politica reale contano voti e percentuali delle ultime elezioni. Ma c’è anche un dato politico: da Milano alla Ciociaria, passando per Latina, Carroccio e Forza Italia stanno isolando il partito di Giorgia Meloni. E i rischi sono notevoli.

2021, l’anno zero dei Partiti in Ciociaria

Il Pd alla ricerca di un voto di opinione scomparso da tempo (finora le toppe le ha messe De Angelis). Il centrodestra attento ai sondaggi ma anche al radicamento nel territorio. Le comunali di Alatri e Sora fondamentali in attesa di Frosinone. Chi si gioca cosa. E perché.

La tregua operosa del centrodestra in Ciociaria

Le candidature (a sindaco) unitarie di Alatri e Sora stanno bene a Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia. La coalizione prepara l’assalto alla roccaforte di Buschini e gli equilibri per il capoluogo si mantengono inalterati.

Franco? Più a suo agio con Salera che coi Fratelli

Fumata nera a Cassino al termine dell’incontro tra l’ex capogruppo della Lega Evangelista e i vertici di Fratelli d’Italia. Se rimangono nel fronte anti D’Alessandro, lui resta indipendente. Sempre se non si accorda col sindaco del Pd