Tav

Pablito e gli anni più belli. Nel 2020 solo strapuntini

Il Mundial ’82 fu il riscatto di un Paese che voltava pagina. Quella prospettiva di cui oggi non si vede traccia. Complice il silenzio dei politici locali su tutto: dalle opportunità Tav a quelle della Camera di Commercio Unificata o il Consorzio Unico. Solo silenzi. Mentre le Comunali di Frosinone appaiono come un’istantanea

Etico e all’avanguardia: ecco il turismo del futuro

Un turismo che metta d’accordo nuove sfide e regole etiche che Papa Francesco ha in agenda. Un’agenda che attraverso il vescovo Spreafico sta disegnando un nuovo modello di struttura ricettiva in Ciociaria. Pietro Di Alessandri quel modello lo conosce benissimo. E lo applica.

Il vero male della politica ciociara è l’invidia

La vicenda delle due fermate dell’Alta Velocità ha messo in evidenza il fatto che nessuno ha raccolto l’appello di Nicola Ottaviani ed Enzo Salera di fare squadra affinché la Tav diventasse un punto di riferimento per tutti. L’importante è affossare, come per il progetto del Grande Capoluogo.

La dittatura del virus e un Paese in maschera

Di proroga in proroga si va avanti nello stato di emergenza per il virus. Ma così non si definiscono leggi fondamentali cone smart working e didattica a distanza. Nel basso lazio i risultati dicono che è ora di mettere da parte il catastrofismo. Ma nessuno lancia il progetto per mettere insieme i tanti traguardi che si stanno centrando

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright