Umberto Bossi

Tutti gli uomini del Capitano

Nella Lega è iniziata la resa dei conti. A Montecitorio 41 fedelissimi di Salvini non si presentano al voto sul Green Pass. Ma gli assenti totali sono 52 su 132. Il leader del Carroccio vuole contarsi e raduna i fedelissimi. Guidati da Claudio Durigon.

‘Fuori… de Ciocca’, ma la Lega fa meglio: ‘Imbecille’

Di fronte al Covid «Vale più un magazziniere lombardo di un ministeriale romano». La delirante dichiarazione fatta dall’europarlamentare leghista Angelo Ciocca scatena l’immediata reazione del deputato Francesco Zicchieri. Che investe della questione Matteo Salvini. Ottenendo la sconfessione piena e immediata

Mutando l’ordine dei leader la potenza non cambia

Il centrodestra resta maggioritario da anni, pur passando da Silvio Berlusconi a Matteo Salvini e adesso (forse) a Giorgia Meloni. Il segretario del Pd Nicola Zingaretti deve inventarsi una coalizione aprendo alle liste civiche e alle Sardine. Ma non ha molto tempo per farlo.

Zingaretti ostaggio della coerenza

Un quesito che tocca la Costituzione. Per questo è poco affine ad una sinistra che ha nella Carta il suo totem. La scelta del Pd: dettata dalla coerenza. Che ora rischia di rendere Zingaretti ostaggio della parola data.

La Nostalgia Canaglia di Silvio Berlusconi, che sembra Pippo Baudo

Il fondatore di Forza Italia rivendica il merito di aver “inventato” il centrodestra sdoganando “fascisti” e Lega. Ma in realtà fa soltanto fatica ad accettare che oggi il leader è Matteo Salvini. L’anomalia vera è la mancata evoluzione degli “azzurri”, ormai costretti ad un tramonto senza squilli.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright