Vincenzo Zaccheo

Damiano Coletta ed i filistei

Sansone vinse ma non vide mai la sua vittoria: schiacciato sotto le stesse macerie dei filistei. Così i 20 dimissionari che hanno mandato a casa il sindaco Coletta. Anche loro sono rimasti senza Consiglio

La pace di Coletta al tempo di Badoglio

Badoglio prese le redini di un’Italia che ormai era in disfacimento. Coletta prova a rimettere in piedi le macerie. A colpire è l’indifferenza di una città che non si domanda chi sia il sindaco ma che tempo fa

Tutti per la crisi subito: ma Fazzone vuole il nome

Dopo FdI e Lega anche ‘Latina nel Cuore’ invoca le dimissioni in massa ed il ritorno alle urne per la terza volta in un anno. Ma Fazzone predica prudenza. Vuole evitare la catastrofe di un anno fa. “Prima il nome del candidato sindaco”

Zaccheo e Coletta si amano

Non è vero che si odiano. Si completano. Sono l’uno la legittimazione dell’altro. Le due facce di una stessa medaglia. L’altro modo di vedere Coletta e Zaccheo

«Dove eravamo rimasti…» via al Coletta 2.1

La conferenza stampa di Damiano Coletta dopo la proclamazione a sindaco. Chiuso il capitolo delle elezioni bis. Appello alle opposizioni per governare la città. La prima seduta convocata strategicamente dopo il voto del 25 settembre

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright