Corrado Trento

Emigranti e migranti: la Ciociaria a due facce (di C. Trento)

I ragazzi italiani mettono in valigia i loro sogni e vanno via. Colpa di una classe dirigente (non solo politica) che non ha saputo dargli una prospettiva. Il problema non è che se ne vanno. È che non tornano. Significa che fuori si sta meglio. Che si può fare, costruire, crescere, sognare. E qui no

2 Condivisioni

Promesse da marinaio, non ci crediamo più (di C.Trento)

A furia di promesse mai mantenute dalla politica oggi non crediamo più. A niente. Nemmeno quando vediamo l’avvio della bonifica della Valle del Sacco. Il pienone alla Notte Bianca ed al Parco del Matusa impongono una riflessione. Così come il surreale dibattito sulla moschea a Frosinone

2 Condivisioni

Inseguendo le piazze e la logica del gregge (di C. Trento)

Grazie al cielo Fca ha deciso di tornare ad investire sul territorio. Altrimenti nessuno avrebbe mosso un dito per renderlo più appetibile per chi avesse voluto metterci una nuova fabbrica. Indifferenti. Anche al taglio dei parlamentari: cancellerà deputati e senatori del territorio. Ma tanto si va a rimorchio, come avvenuto per l’Ambiente.

2 Condivisioni

I giovani tra crisi e paure. E il fattore indifferenza (di C. Trento)

I dati sull’Emigrazione dicono che tanti giovani lascia o questo territorio. Laureati o addirittura ancora studenti, in cerca di un futuro che qui non c’è. l’Its Meccatronico ed il rifacimento della via industriale per Anagni sono solo lampi nel buio. Mancano in agenda i veri temi: la digitalizzazione reale ed il futuro dello stabilimento Fca Cassino Plant

2 Condivisioni