Pietro Alviti

Lina, la bambina pericolosa

Quale pericolo rappresentava per il Reich una bambina di 5 anni? Doveva sparire, per eliminare alla radice il seme dell’uguaglianza e della pari dignità di tutto il genere umano. Ben radicato nella tradizione ebraica. Come ha ricordato la memoria di Lina al liceo di Ceccano

Vi racconto il liceale Gino Scaccia, consulente dei ministri

‘Professò…’ l’accento di casa su una delle strade principali di Berlino, in anni nei quali nessun Erasmus agevolava lo studio all’estero. Per diventare Gino Scaccia occorre studio e sacrificio. Come dimostrò da subito quando era giovane liceale del Turriziani

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright