Roberto Gualtieri

Ruberti in partenza, non arriva Venafro

Il neo sindaco Roberto Gualtieri prepara la macchina politica ed amministrativa della Capitale. Dalle Regione Lazio arriva Albino Ruberti. Forse Eugenio Patané il giunta. Alla cultura un esterno. Che non sarà Melandri. Le linee anticipate da Casu

Conte con Gualtieri, da Michetti segnali alla Raggi

È un finale di campagna elettorale per cuori forti nella Capitale. Giovanni Floris accende la miccia, facendo capire che l’ex sindaca potrebbe sostenere il candidato del centrodestra. Mentre l’ex premier annuncia il suo voto all’esponente del Pd. Ma a titolo personale. Giorgia Meloni intanto sa di non poter perdere nella corsa al Campidoglio

Dalle Regionali al Campidoglio: l’anno più lungo di Zingaretti

Dodici mesi fa, da segretario del Pd, trionfava in Campania, Puglia e Toscana. Adesso, da Governatore, può affermare il modello Lazio per la conquista di Roma. Lunedì sera analizzerà i risultati con Albino Ruberti, ma una cosa è certa: Nicola Zingaretti non starà a guardare. Nemmeno nel Pd.

L’inevitabile incrocio di destini politici tra Zingaretti e Conte

Il Giornale di Augusto Minzolini rilancia l’ipotesi delle candidature nel collegio suppletivo di Roma se Gualtieri diventerà sindaco. Ma in realtà è complicato pensare ad un’interruzione anticipata della legislatura della Regione Lazio. Più probabile che Zingaretti voglia ritagliarsi un ruolo decisivo. Perfino nei confronti di Enrico Letta. I retroscena

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright