Angelo D'Ovidio

Quelli della Prima Repubblica…

Il ritorno in grande stile di Angelo D’Ovidio (Udc). La manovre felpate e micidiali di Mario Abbruzzese (Coraggio Italia). La forza elettorale di Antonello Iannarilli e le pennellate di Alfredo Pallone, entrambi in Fratelli d’Italia. Ma anche il peso politico di uno che non è mai andato via: Francesco De Angelis. I “mostri sacri” dicono la loro e sono sempre più… ingombranti.

Ciociaria, l’allergia dei Partiti all’analisi del voto

Nessun partito trae più le conclusioni dalle vittorie o dalle sconfitte. Basta vedere quello che è successo a Sora e Alatri. Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia non si pongono neppure il problema, mentre il Pd evita accuratamente di sviluppare un dibattito. Classi dirigenti timorose.

Ruspandini, Buschini, Battisti: il senso dei big per le comunali

Il senatore di Fratelli d’Italia e i consiglieri regionali del Pd sanno che il radicamento nel territorio fa la differenza e sono in prima linea alle amministrative. Ma non tutti gli eletti e i leader seguono il loro esempio. Per esempio i parlamentari dei Cinque Stelle non si vedono. E quelli della Lega hanno il freno a mano.

Centrodestra affondato a Sora. Ora la resa dei conti

Il soccorso democristiano dell’Udc di D’Ovidio è stato provvidenziale, ma dopo il 3 e 4 ottobre scatterà una resa dei conti nella quale non saranno fatti prigionieri. Nella Lega duello all’arma bianca tra Nicola Ottaviani e Pasquale Ciacciarelli. In Fratelli d’Italia Massimo Ruspandini deve decidere il da farsi una buona volta. E intanto mette nel mirino Cambiamo di Mario Abbruzzese. Vittorio Di Carlo e l’alibi perfetto di Forza Italia di Claudio Fazzone

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright