Fico

Il silenzio di Ottaviani, che prepara la svolta

Da quando ha partecipato alla festa regionale della Lega a Latina, il sindaco di Frosinone non ha più esternato. Il suo progetto politico è lontano da Forza Italia e guarda alla costruzione di un movimento di amministratori che possa dialogare con la Lega nel centrodestra. Con una crisi di governo che potrebbe accelerare ogni dinamica futura

2 Condivisioni

Il duro e puro Di Battista per pressare Di Maio, mentre Renzi arrocca il Pd

Il Governo reggerà fino alle europee, ma nei Cinque Stelle le tensioni stanno affiorando. E il ritorno di Dibba comprimerà gli spazi di manovra di Giggino. Matteo Salvini è preoccupato e Silvio Berlusconi non ha rinunciato all’idea di staccare il Carroccio dai pentastellati. Ricordando l’operazione di Massimo D’Alema. Per l’ex rottamatore, invece, il 4 marzo non c’è mai stato.

2 Condivisioni

Un gigante dai piedi d’argilla che si chiama Movimento Cinque Stelle

Sognano la prospettiva di lotta e di governo, ma non hanno neppure lontanamente un leader della statura di Enrico Berlinguer e un Partito come quello Comunista di quegli anni. Luigi Di Maio non controlla il Movimento, Roberto Fico ha altre idee. Non è più la “creatura” di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio.

2 Condivisioni

Le Cinque Stelle di Zingaretti per la scalata alla segreteria nazionale del Pd

Il Governatore del Lazio pone il problema dell’emorragia dei voti Dem nei confronti dei pentastellati, ma Roberta Lombardi non la prende bene. Il muro contro le critiche di Matteo Renzi e il “rimpianto” di aver aperto le praterie a Matteo Salvini. Intanto però il presidente della Camera Roberto Fico continua a lavorare nelle retrovie

2 Condivisioni

 Salvini-Di Maio, Zingaretti o Fico? Questione di spread

Alta tensione tra Unione Europea e Governo. Lega e Cinque Stelle cementano il patto e sperano nelle elezioni della prossima primavera. Berlusconi allontana il Carroccio, Renzi si barrica a difesa di quel che resta del castello. Il presidente del Lazio ha spazi importanti. Intanto cresce il ruolo del numero uno della Camera. E Mattarella osserva

2 Condivisioni