Addio ad Antonio Fiorini, lo storico presidente del Sora dei miracoli

E’ morto ad 83 anni l’ex patron bianconero che ha guidato la società per diversi anni con passione e competenza. Con Claudio Di Pucchio, Antonio Frasca e tanti giocatori ha scritto le pagine più belle del club, conquistando 5 promozioni tra le quali quelle memorabili in Serie C2 e C1. Il cordoglio della squadra, i funerali giovedì alle 16 al Convento dei Padri Passionisti

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Appassionato, generoso, concreto e competente. Uno di quei presidenti e dirigenti che hanno fatto la fortuna del calcio di provincia italiano. Antonio Fiorini, morto l’altra notte ad 83 anni nella sua abitazione, è stato il presidente del Sora dei miracoli, una squadra capace negli anni ’90 di primeggiare in Serie C che a quei tempi era un campionato tostissimo, ricco di club importanti.

E’ stato “il Presidente” per eccellenza come è stato scritto nel manifesto funebre affisso in città. Ha condotto la società con equilibrio e amore vero, vincendo 5 campionati e trascinando il Sora dalla Promozione in Serie C1 nel giro di 7 anni. Un autentico pezzo di storia.

Antonio Fiorini sul campo dello stadio “Tomei”

Al suo fianco il “Maestro” Claudio Di Pucchio ed in un secondo momento il direttore sportivo Antonio Frasca, profondi conoscitori del calcio di quell’epoca e soprattutto personaggi di grande spessore umano. Una “triade” vincente che ha fatto sognare i tifosi bianconeri e consentito al calcio sorano di calcare palcoscenici prestigiosi. Per lo sport della città volsca e della provincia una perdita grave. Lascia la moglie, i figli, le nuore, la cognata ed i nipoti. I funerali saranno celebrati giovedì pomeriggio alle 16 al Convento dei Padri Passionisti.

In sella a fine anni ‘70

Fiorini diventa presidente del Sora per la prima volta nel 1977, prendendo il timone della società da Antonio Annunziata. Affida la panchina al sorano doc Claudio Di Pucchio, ex centrocampista della Lazio, la sua più grande intuizione da dirigente.

I bianconeri vincono il torneo di Promozione e volano in Serie D. Resta 4 anni e poi lascia a Mario Apuzzo.

A distanza di 6 anni Antonio Fiorini torna al Sora nel frattempo scivolata in Prima categoria. Rifonda la squadra, ingaggiando giocatori di primissimo piano per quei tempi come il portiere Smimmo, il bomber sorano Di Stefano, il centrocampista Promutico e Zappacosca, il papà di Davide, esterno dell’Atalanta. Il Sora riconquista la Promozione.

Fiorini vara il Sora dei miracoli

Claudio Di Pucchio ed Antonio Fiorini

L’anno seguente è quello della svolta del calcio bianconero. Fiorini richiama in panchina Claudio Di Pucchio. Fondamentale è la scelta anche dei giocatori: diversi giovani affamati come il bomber Luiso, Giannichedda, Pecoraro e Bencivenga ma anche alcuni sorani e ciociari doc come Coraggio, Zappacosta, Costantini, Rotondi e Promutico.

Nasce il Sora dei miracoli. Vittorie e bel calcio. Qualcuno la ribattezza “Dipucchiolandia”.

Nel 1992 i bianconeri salgono in Serie C2, tra i professionisti, dopo lo spareggio contro il Sulmona. Un traguardo storico per una piccola città come Sora. La Serie C di quegli anni è un campionato prestigioso e soprattutto molto difficile. Ma il Sora dei miracoli in quanto tale non si ferma.

E così nel 1994 la squadra di Fiorini, Di Pucchio e Frasca (entrato intanto nello staff) regalano la promozione in C1 dopo un altro spareggio con la Turris sul neutro di Perugia. Il Sora tocca il cielo con un dito, la città impazzisce per i bianconeri. Fiorini lascia la presidenza a Lillo Annunziata ma resterà vicino alla società.

Il personaggio Fiorini

Il presidente Fiorini ed il diesse Antonio Frasca

Imprenditore nel settore automobilistico, disponibile con tutti, trovava sempre le parole e le risposte giuste. Anche con i giornalisti che lo chiamavano a tutte le ore per qualsiasi cosa (ma una volta i rapporti con i dirigenti erano diversi, soprattutto senza troppi filtri).

Dotato di grande umiltà e buon senso, Antonio Fiorini è stato un punto di riferimento per lo sport sorano e provinciale. Una grave perdita per la città. Sulla pagina facebook l’Asd Sora Calcio ha voluto esprimere il suo cordoglio per la scomparsa del presidente.

“L’A.S.D. Sora Calcio 1907 esprime le più sentite condoglianze per la scomparsa di Antonio Fiorini, il mitico Presidente del Sora che fu al timone dei bianconeri nella irripetibile cavalcata dalla Prima categoria alla Serie C1 a cavallo tra gli anni 80 e gli anni 90”, scrive il club bianconero che ha voluto rendere omaggio ad un presidente d’altri tempi.

Appassionato, generoso, concreto e competente.  

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright