Da Cassino alla Corea: l’ingegner Verna a capo di Ssangyong Italia

Un ingegnere di Frosinone, allievo del Turriziani e dell'Università di Cassino, a capo della divisione italiana del marchio coreano Ssangyong. Curerà il lancio dei nuovi modelli. la lunga carriera in Lancia, Fiat Group e Fca

Al liceo Classico Norberto Turriziani di Frosinone era rappresentante d’istituto ed i professori dicevano che avrebbe fatto molta strada. Mario Verna ne ha fatta: buona parte su Fiat e ora con la coreana SsangYong la casa automobilistica che produce il mitico Rexton. L’ex liceale del Turriziani è il nuovo direttore generale di Ssangyong Motor Italia (Symi) società del gruppo Koelliker che importa e distribuisce dal 2003 i veicoli della casa dei due draghi, vantando record di vendita europei per i singoli prodotti: più di 15.000 Rexton vendute tra il 2003 ed il 2008, notevoli risultati nell’affermazione del marchio sul mercato.

Mario Verna è uno dei ‘figli’ della facoltà di Ingegneria dell’università di Cassino: si è laureato nel ’97, durante gli studi è stato eletto Consigliere di Amministrazione dell’Adisu. Si era candidato nel gruppo di destra alle elezioni universitarie del 1997 e insieme a Massimo Ruspandini non votarono Massimiliano Mignanelli in Consiglio di Amministrazione ma puntarono su Marino Fardelli; il futuro consigliere regionale del Lazio, grazie ai voti dell’ingegnere, arrivò prima di Mignanelli.

Mario Verna inizia l’esperienza nel ramo commerciale di Fiat nel 2004, quasi due anni più tardi è in Lancia dove ha la responsabilità di area; poco più di un anno dopo è sales planner per Lancia, sotto la diretta responsabilità del numero 1 delle vendite in Italia; è lui a definire gli obiettivi di vendita, sviluppare le analisi di mercato, occupandosi anche delle parti di ricambio e della logistica.

Nel 2009 è a capo delle vendite Lancia nel distretto di Milano: 54 rivenditori, 350 milioni di fatturato gestito.

Il primo balzo avviene nel 2012: è direttore delle vendite del gruppo Fiat a Milano. In quel periodo ha la responsabilità delle vendite Fiat, Alfa, Lancia, Jeep e dei veicoli commerciali; sia il nuovo che l’usato, le officine di manutenzione, i ricambi; 70 persone alle sue dipendenze dirette, 80 milioni di budget gestito.

L’ingegnere cassinate è bravo. A Torino se ne accorgono. Lo chiamano e lo mettono a capo delle vendite in Italia di Fiat Chrysler Automobiles: gestisce le operazioni di marketing e vendita, collabora nella definizione delle strategie. Pianifica, imposta e gestisce le quote di mercato, ottimizza i processi di vendita, si occupa della formazione commerciale, del reclutamento e selezione di talenti per la forza vendita.

Un altro balzo: a ottobre 2015 è capo della logistica e dei piani di vendita Fca. Ci resta fino allo scorso mese di settembre. Poi passa in Ssangyong. Entra con il compito di seguire lo sviluppo delle grandi potenzialità del marchio nei mercati italiano e austriaco, con l’obiettivo di ampliare i risultati finora raggiunti dalla marca coreana.

La scelta fatta da Koelliker di puntare su Mario Verna non è casuale. Stanno per arrivare sul mercato europeo i nuovi modelli. SsangYong infatti sta lanciando in Europa la nuova generazione del Rexton. Il Suv asiatico è stato presentato al grande pubblico in premiere continentale al Salone di Francoforte (14-24 settembre) e sarà in vendita in Italia da questo mese.

Prodotto di punta dell’offerta 4×4 del brand, questa terza serie propone per il Marchio nuovi livelli di potenza, sicurezza, stile, spazio, oltre a una tecnologia per la connessione al passo con i tempi, grazie al sistema di infotainment dotato di Apple CarPlay e Google Android Auto che può replicare, sullo schermo da 9,2” in plancia, le informazioni contenute negli smartphone di guidatore e passeggeri.

Sul nuovo modello Johng-sik Choi, CEO di SsangYong Motor scommette molte. «Credo che tutti rimarranno esterrefatti dalla qualità di questa nuova vettura. Si tratta di un enorme progresso rispetto al modello che va a sostituire ed è già stata accolta molto bene sul mercato coreano. A brevissima distanza dal lancio di Tivoli, con cui SsangYong ha imposto nuovi standard nel segmento dei Suv compatti di fascia economica, il nuovo Rexton è un’ulteriore dimostrazione del processo di rigenerazione che sta attraversando il brand dopo gli ingenti investimenti fatti da Mahindra. Si tratta della prova tangibile della nostra rapida evoluzione a brand mainstream e azienda specializzata nella produzione di Suv e 4×4».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright