I titoli dei giornali di venerdì 2 marzo 2018

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina venerdì 2 marzo 2018 e riassunti da Alessioporcu.it

*

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina venerdì 2 marzo 2018 e riassunti da Alessioporcu.it

*

*

provincia-2(direttore Dario Facci)

Colpaccio super milionario
Fumone. E’ caccia al nuovo Paperone. Scommettono un euro al ‘Million day’ e beccano la combinazione vincente

SINOSSI
Scommettono un solo euro e ne portano a casa un milione. La buona notizia è stata pubblicata ieri sul sito ufficiale di Lottomatica. L’ultima estrazione del concorso ‘Million day’ ha premiato un fortunato vincitore, o una fortunata vincitrice, di Fumone. La notizia ha fatto immediatamente il giro della provincia di Frosinone. E’ caccia al milionario di cui, ovviamente, non si conosce ancora il nome. Poco male. Davvero un colpaccio, c’è poco da dire. Un colpaccio che, mettendo da parte un comprensibile senso di gelosia, non puòche far piacere. In una provincia spesso al centro dell’attenzione per fatti di cronaca che non rappresentano la ricchezza del tessuto sociale e culturale, è una notizia che regala una boccata d’aria. A chi ha vinto vanno le più vive congratulazioni.

Cocaina nella cassaforte. A “scardinarla” due cani
Cassino. La custodiva gelosamente. Come se fosse stata denaro o degli oggetti preziosi. Non aveva pensato all’infallibile fiuto di due cani. Gli agenti del Commissariato di Cassino con il prezioso ausilio delle unità cinofile, continuano a perlustrare ogni angolo della città per contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nella “rete” dei controlli antidroga

 

“Spaccata” al centro commerciale
Alatri

 

Convivente “stalker” davanti al Gip
Frosinone

 

Elezioni 2018. Il pensiero va a domenica
Si conclude la campagna per il voto

 

Ora il turnover va in soffitta, è formazione tipo
Calcio. Serie B

 

*

 

Ciociaria Oggi K2
(direttore Alessandro Panigutti)

Ride bene chi ride ultimo
Elezioni. Oggi si chiude la campagna elettorale, domani il giorno di silenzio. Poi domenica decidono i cittadini

SINOSSI
Finisce oggi una campagna elettorale durissima, nervosa e anche molto anomala. Con una posta in palio altissima. Considerando che, oltre alle politiche, nel Lazio si va alle urne pure per le regionali. Domani il giorno di silenzio, poi domenica si vota: dalle 7 alle 23. Subito dopo inizierà lo scrutinio, partendo dal Senato. Mentre per le regionali lo spoglio comincerà lunedì alle ore 14. Ieri a Roma manifestazione unitaria del centrodestra, con Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Raffaele Fitto che hanno escluso ogni ipotesi di inciucio. Intanto, per quanto riguarda gli scenari successivi al 4 marzo, il nome di Antonio Tajani è sempre più gettonato come possibile candidato premier.

Finita l’emergenza. Ma adesso acqua e vento
Maltempo Dopo l’ultima nevicata temperature in deciso rialzo

 

Il “tesoro” in una cassaforte nascosta
Cassino. Era incastrata nel muro di un sottotetto, in un condominio. All’interno 400 grammi di cocaina e 9.100 euro. All ’interno di un mattone, una calibro 22: la polizia arresta un trentenne. Altre denunce e segnalazioni

 

Ente camerale, via alla fusione
Frosinone e Latina insieme: ieri il commissario ad acta Pietro Viscusi ha dato inizio alla procedura. Entro il prossimo 10 aprile le associazioni di categoria dovranno indicare le rispettive “consistenze”

 

Gioca un euro e vince un milione
Fumone. In paese è già scattata la caccia all’ignoto e fortunato scommettitore. Probabilmente è del posto. Indovina cinque numeri al nuovo gioco Million day e centra il colpo grosso nell ’estrazione di ieri sera

 

Per battere il Novara sarà necessario il vero Frosinone
Per la gara di domani Longo ritrova Gori dopo il lungo stop. Rispetto a Cremona dovrebbero tornare titolari anche i fratelli Ciofani e Ciano

 

*

 


(direttore Stefano Di Scanno)

LO sballo chiuso in cassaforte
Operazione antidroga. Trovata murata in un sottotetto. Cocaina tenuta sotto combinazione: 400 grammi trovati a Cassino dalla Polizia. Un giovane arrestato
e il sospetto di un giro ampio e continuo che alimenta un consumo non irrilevante nella città bene

 

“Irrigopoli” finisce nel silenzio elettorale
Dopo la conferenza del commissario del Consorzio Valle del Liri, con la denuncia del buco da 17,5 milioni causati dai passati cda, la politica preferisce non commentare. Ma si preparano le carte bollate per il dopo 4 marzo

 

Schiuma nel Liri e nel Sacco, denunciati gli inquinatori
San Giovanni Incarico

 

Monsignor Valente. «Caro Borgomeo, lei può diventare volano di sviluppo»
Roccasecca/ Saxa Gres. Il parroco di Roccasecca,
che ha vissuto al fianco dei lavoratori la crisi dello stabilimento Ideal Standard, ha scritto una lettera di ringraziamento dal presidente della Saxa Gres nel giorno in cui si è definitivamente formalizzata l’acquisizione dello stabilimento

 

Il Comune non rispetta i tempi per pulire la statua di Turriziani
Frosinone/ Il Caso. La statua dedicata al giovane frusinate morto durante la Prima Guerra Mondiale da più di un anno, ormai, è stata sporcata con della vernice ad opera di qualche incivile

 

Calcio/Frosinone, Gori scalpita per una maglia da titolare contro il Novara
Spazio Sport.

*

 

Messaggero K2(direttore Luciano D’Arpino)

Fiumi inquinati, scatta la denuncia
Schiuma bianca alta fino a un metro nel Liri, i sindaci del Cassinate inviano
un esposto in Procura. Lo sversamento sarebbe avvenuto nel Sacco, a Ceccano

SINOSSI
Schiuma bianca alta anche fino a un metro nel fiume Liri: sei sindaci del Cassinate si rivolgono alla Procura con un esposto. Una decisione assunta dopo che domenica scorsa le acque del Liri, tra San Giovanni Incarico e Falvaterra, improvvisamente sono diventate torbide con chiazze in superficie. La causa dell’inquinamento sarebbe da ricondurre a del detersivo scaricato nelle acque. Per i primi cittadini la schiuma sarebbe arrivata da Ceccano, dal Sacco. Sui luoghi è stata già effettuata una ricognizione.

Giallo di Marina, chiesta l’archiviazione
Frosinone. Per la Procura il caso è chiuso, ma l’avvocato della famiglia
potrebbe opporsi e sollecitare ulteriori accertamenti. Della commercialista scomparsa il 19 febbraio del 2007 non si è saputo più nulla. Né è stato ritrovato il corpo

 

Neve e ghiaccio, per l’emergenza spesi dal Comune ventimila euro
Frosinone. Finita l’allerta neve con l’ultima nevicata della scorsa mattina,
ora è tempo di bilanci e costi per il Comune di Frosinone. L’emergenza neve dai primi riscontri è costata circa 20mila euro, serviti per pagare le spese
alle 15 ditte che hanno messo a disposizione i mezzi per spalare la neve e per il sale acquistato.

 

Banda di ladri nella notte, bar saccheggiato
Alatri. In cinque sono penetrati nell’ipermercato “Panorama” con guanti e volto coperto

 

Elezioni regionali, i derby in Forza Italia e le manovre nel Pd
Verso il voto. Nel centrosinistra i consiglieri Buschini, Bianchi e Fardelli
tentano il bis. Ciacciarelli e Iannarilli per il dopo Abbruzzese

 

Frosinone, con il Novara d’obbligo la vittoria
Beghetto non ha nascosto il desiderio di continuare l’avventura in giallazzurro: «Qui in Ciociaria mi trovo bene e spero di rimanerci, magari in Serie A». Intanto il centrocampista Gori scalpita per giocare e contro il Novara dovrebbe tornare titolare. D’obbligo la vittoria

 

*

 

Latina Oggi K2(direttore Alessandro Panigutti)

Il messaggio del killer: «Colpa sua»
Strage in famiglia. Antonietta Gargiulo operata al San Camillo, è sempre grave. Domenica fiaccolata a Cisterna in ricordo delle bambine. Capasso ha lasciato un biglietto dopo gli spari alla moglie: «Non doveva farlo». Trovati soldi indirizzati ai familiari

 

Imprenditore ostaggio dei rapinatori
Latina. L’agguato di una banda di specialisti in una villa di via del Saraceno. L’auto della vittima trovata in fiamme a Pomezia. Giuseppe Bollanti sorpreso da quattro banditi al rientro in casa: imbavagliato e picchiato a sangue per ore

 

La Meloni chiude in piazza
Elezioni 2018. Sfida finale: da una parte il comizio della leader di Fratelli d’Italia con Stefano Parisi, dall’altra Nicola Zingaretti. Per i partiti è caccia all’ultimo voto

*

Il Tempo K2(direttore Gianmarco Chiocci)

E Cantone blocca la Raggi
Il capo Anac al Tempo. “La sindaca annuncia il mio ok sullo stadio della Roma? È falso. C’è ancora molto da controllare”. Pallotta: “Adesso basta, acceleriamo”

 

“Il Carabiniere è mio fratello. Ve lo giuro, non è un mostro…”
La strage di Cisterna. Parla Gennaro Capasso: “Ha avuto un black out”

*

il-giornale (direttore Alessandro Sallusti)

Tajani premier, c’è l’accordo
La corsa del centrodestra. Berlusconi ufficializza: “È lui il nostro presidente del Consiglio”. Salvini: se Forza Italia prende più voti di noi ok ad Antonio

 

Solo il voto può fermare gli incapaci
Non tocca certo a noi indicare il premier in caso di vittoria del centrodestra. Ma non possiamo che registrare con soddisfazione l’intesa raggiunta tra i soci sul nome del presidente Tajani se, come pare dai sondaggi, Forza Italia risulterà il primo partito della coalizione. Con i “se” e con i “ma” non si fa la storia, ovviamente, e quindi nulla è certo. Ma gli elettori avevano diritto a una indicazione che completasse gli elementidi giuidizio già in loro possesso, dalle alleanze al programma

*

(direttore Maurizio Belpietro)

Renzi prepara la scissione dal Pd
Fuga per la sconfitta. Già studiato un partito personale sulla falsariga di En marche di Macron. Dopo il voto il segretario vi traghetterà i suoi parlamentari lasciandosi alle spalle un guscio vuoto, poi lancerà un’Opa su Fi

 

Nuove accuse e misteriosi dossier su Boschi
La Procura di Belluno indaga sul racconto di due gole profonde che coinvolgono il padre del sottosegretario in una vicenda di riciclaggio, traffico d’armi e violenze. Un sottobosco in cui si muovono pure 007 e alti prelati

 

*

(direttore Claudio Cerasa)

Spread giù, ottimismo su. Perché fuori dall’Italia si parla dell’Italia senza l’isterismo con cui l’Italia parla di se stessa (prendere esempio)
Adue giorni dalle elezioni politiche, si può dire senza paura di essere smentiti che il vero clima impazzito, in Italia, non è quello fotografato dagli appassionati di meteo ma è quello immortalato negli scatti finali di questa campagna elettorale, dove buona parte degli italiani arriva al voto senza avere la minima idea di come stia oggi il nostro paese

 

E se poi andasse veramente male?
Il precedente di Trump e quell’aria troppo da establishment che hanno i politici ragionevoli (persino il Cav.). E’ difficile che si realizzino le condizioni per la resa di un antico paese politico agli spiriti animali dell’ignoranza e della grettezza, però…

 

*

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright