Battisti

La guerra è in…quota rosa. La First Lady Francesca, la Vedova Nera Sara e la ribelle Alessandra

Nel Pd il potere è donna. La Cerquozzi vuole scalare velocemente il partito, ma la Battisti presidia il quartier generale. Mentre la Sardellitti sta facendo letteralmente impazzire il circolo frusinate. Ma ci sono anche Spilabotte, Calcagni, Di Rollo, Grieco, Di Pucchio, D’Orazio, Maggiani e Martini.

Pd, e adesso l’intera area di Antonio Pompeo si guarda intorno

Dopo il durissimo scontro in direzione tra il presidente della Provincia e il consigliere regionale Sara Battisti. Il richiamo all’unità di Nicola Zingaretti è naufragato, si è tornati alla contrapposizione di cinque anni fa. Sfiducia reciproca e ostilità tra le componenti. Ma il punto è che ieri sera in sede di riunione congiunta tra direzione e assemblea i presenti erano una trentina. Così non si va da nessuna parte.

Il Partito Democratico e il coraggio delle scelte dolorose

Il post di Daniele Maura (Fratelli d’Italia) sul Lazio Pride ha innescato l’ennesima guerra di religione nel Partito. Ma il patto d’aula se lo è inventato Nicola Zingaretti alla Regione Lazio e perfino un “fuoriclasse” come Bruno Astorre è scivolato sul ruolo di Casapound. In realtà la domanda è semplice: recuperare l’identità o far prevalere le ragioni del governo a tutti i costi?

Per il Pd è l’ora di agire. Niente da spartire con chi si fa beffe del Pride (di Sara Battisti)

La presa di posizione del presidente del Consiglio Provinciale di Frosinone contro il Lazio Pride scatena la reazione di Sara Battisti. Il consigliere regionale Pd chiama alla mobilitazione il Segretario Provinciale del PD di Frosinone, Domenico Alfieri. E tutti i componenti della Direzione Provinciale

Il Pd prepara la rivincita nel nome di Nicola Zingaretti

De Angelis e Pompeo arrivano insieme alla riunione della direzione provinciale, mentre Buschini non smette un secondo di “messaggiare” al massimo della concentrazione politica. La Battisti tiene un profilo sociale. Il segretario regionale Bruno Astorre suona la carica: “Dai ragazzi, andiamo”. Ma tutti pensano alle primarie

Il Pd riscopre le piazze e anche in Ciociaria alza il livello dello scontro politico

Giovedì prossimo la direzione provinciale convocata da Domenico Alfieri. Ci sarà il segretario regionale Bruno Astorre. Francesco De Angelis tira a lucido la “macchina da guerra”. Protesta contro la manovra economica gialloverde e iniziative per lo stabilimento Fca di Cassino: questi i punti sui quali parte la mobilitazione

Segnali di rilancio nel Pd: “Adesso la Piazza Grande ciociara”

Archiviate le primarie regionali (dove ha sostenuto Claudio Mancini da sola), la consigliera regionale si concentra sul prossimi appuntamento per la segreteria nazionale. Dice: “Zingaretti è l’unico che mira  ricostruire una comunità politica chiara e riconoscibile, faremo di tutto perché vinca”

Mancini contro “il pallone d’oro delle preferenze”

Claudio Mancini a Frosinone per sostenere la sua corsa verso la segreteria regionale Dem. Nella tana del lupo Francesco De Angelis, che in molte sezioni ha preso il 100%. “Non voglio il pallone d’oro delle preferenze ma che la gente voti Pd”. Il ruolo di Sara Battisti

Sara la “tosta”, messaggio in codice a Nazzareno e Valentina

IL RETROSCENA AL VELENO – La Battisti a caccia dei renziani della prima ora che intendono sostenere Claudio Mancini nella corsa alla segreteria regionale. La “provocazione” alla Calcagli e a Pilozzi. All’orizzonte c’è la guerra di successione nell’area di De Angelis. Magari con la sfida a Mauro Buschini.

De Angelis, l’endorsement ad Astorre “rottama” Renzi, Orfini e Mancini in un colpo solo

Spietata analisi del leader di Pensare Democratico sulle ultime vicende del Pd. La spaccatura vera si è consumata sulle liste, quando ai leader locali non sono stati concessi spazi eleggibili. Ma De Angelis ha fatto capire a muso duro che i voti sul territorio sono i suoi. E basta. Non di Ignazio Marino, non di Matteo Orfini. Soltanto i suoi. E l’impronta alla fine resta quella della componente di Massimo D’Alema

Pd in Ciociaria, sul ponte sventola bandiera rossa. Addavenì De Angelis…

L’area ex democristiana ridotta ad un ruolo marginale, la cementificazione dei rapporti tra Francesco De Angelis. Mauro Buschini e Sara Battisti da una parte e Nazzareno Pilozzi e Domenico Alfieri dall’altra dimostra che è cambiato tutto. Alla ribalta è tornato l’asse ex Ds-Pds, perfino ex comunista. Come dimostra la storia del commissariamento dei circoli.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright