Claudio Mancini

Dalle Regionali al Campidoglio: l’anno più lungo di Zingaretti

Dodici mesi fa, da segretario del Pd, trionfava in Campania, Puglia e Toscana. Adesso, da Governatore, può affermare il modello Lazio per la conquista di Roma. Lunedì sera analizzerà i risultati con Albino Ruberti, ma una cosa è certa: Nicola Zingaretti non starà a guardare. Nemmeno nel Pd.

Il filo di Piazza Grande che Zingaretti vuole riannodare

La lettera per scongiurare lo scenario del Pd subalterno, poi l’arringa sul palco: “Romani, non mettetevi le dita nel naso, perché poi la Raggi dirà che è colpa della Regione Lazio”. Due passaggi politici che fanno emergere la statura di un leader che vuole ancora scrivere pagine importanti. E dopo il 4 ottobre può succedere di tutto. Anche nel Pd.

Gualtieri rompe la tregua, il modello Roma nel Pd del futuro

Il candidato sindaco sfida Michetti, attacca la Raggi e scarica Calenda. I Democrat puntano a vincere al ballottaggio con uno schema che potrebbe diventare il nuovo punto fermo del partito. Uno schema voluto da Goffredo Bettini e Claudio Mancini. Con il contributo decisivo di Bruno Astorre e Nicola Zingaretti. Cosa può succedere adesso.

Un tesoretto a De Angelis per tentare Stellantis

La norma passata giovedì in Senato mette nelle mani di Francesco De Angelis il primo pezzo del bazooka finanziario con cui armare il nuovo Consorzio Industriale. È una potente arma di attrazione per colossi come Stellantis. Che proprio sulla fiscalità aveva individuato una delle due debolezze dello stabilimento di Cassino

Il grande Risiko dietro alla nomina di Sara

Cosa c’è dietro alla nomina di Sara Battisti a vice segretario Pd del Lazio. Il nuovo asse Mancini – Bettini. E quello di De Angelis con Bettini e Mancini. Pensare Democratico è sempre meno un fenomeno locale. E sempre più regionale. Ma non ostile

Zingaretti e Raggi, impossibile perfino la desistenza

La sindaca andrà avanti comunque: non ascolterà Giuseppe Conte e neppure il Movimento. Il Governatore non può “strappare”, ma la domanda comincia ad essere una: l’accordo con i Cinque Stelle ha davvero ragione di esistere per il Pd? Intanto Mancini si dimette da Tesoriere Dem: “Via ad una fase nuova”

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright