Walter Veltroni

Astorre “benedice” Gualtieri e ignora la Raggi

Il segretario regionale del Pd confida nella competenza dell’ex ministro, archivia l’ipotesi di una candidatura di Zingaretti, bacchetta la destra meloniana e prova a cancellare l’opzione Virginia Raggi. Ben sapendo che a Roma si decide tutto.

Il ritorno del re: “Al referendum voto no”

Importante dichiarazione del fondatore del Pd Walter Veltroni, che poi dice anche: “Nicola Zingaretti non si deve dimettere da segretario se dovesse perdere in Toscana”. “E’ la mancata alleanza Dem-Cinque Stelle alle regionali ad indebolire il Governo”.

Franceschini punta al Quirinale

Le grandi manovre del ministro della cultura, la concorrenza interna al Pd, le prospettive dei Cinque Stelle, il ruolo di Mario Draghi e… il voto reale. In arrivo.

Salvini-Zingaretti. Ma dove vai se il dualismo non ce l’hai?

La politica italiana è stata caratterizzata da sfide che hanno segnato epoche: Berlusconi-Occhetto, Berlusconi-Prodi. Ancora Berlusconi e… Veltroni. Ora il Capitano della Lega attacca il leader Dem, legittimandolo come principale avversario. E c’è una legge elettorale da scrivere.

Gigino Neglia, lo chef che doveva entrare in banca e invece si ritrovò in cucina

Non ha mai guardato Masterchef e venera Gualtiero Marchesi. Litigò con Vissani a cui ebbe il coraggio di dire che di vino non capiva nulla. Da Guarcino fino all’olimpo della ristorazione quasi per caso, ha saputo tener fede a tre soli credo: semplicità, freschezza ed inventiva. Per creare una cucina che da Frosinone ha fatto scuola.

Bettini ringrazia Grillo. E adesso Zingaretti che fa?

Per il Pd si pone un problema diverso dal governo. Si tratta di capire se il maggior partito della sinistra italiana intende tornare a parlare a settori abbandonati da anni. Oppure no. Il rischio è quello di trovarsi Giuseppe Conte presidente della Repubblica.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright