Attenti a quei quattro: al Frosinone arrivano i “rinforzi”

Grosso recupera Garritano, Zampano, Novakovich e Cicerelli che già lunedì a Terni faranno parte della truppa. Il tecnico giallazzurro ritrova dei giocatori importantissimi per un finale di stagione da protagonisti. E per le prossime gare si attende anche il ritorno del bomber Charpentier

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Attenti a quei quattro. Che poi potrebbero diventare cinque. Fabio Grosso può tirare un sospiro di sollievo in vista dello sprint finale (all’epilogo mancano 4 giornate) ed eventualmente dei playoff che sembrano a portata di mano. Già lunedì a Terni il Frosinone potrebbe presentarsi con 4 “rinforzi”: Garritano, Zampano, Cicerelli e Novakovich. Mentre il quinto, il bomber Charpentier, ancora non è pronto ma anche lui è sulla via del recupero e per Grosso sarà un altro “riacquisto” importante.

Garritano e Zampano mancano rispettivamente da 6 e 3 turni. Senza voler togliere nulla ai sostituti, sono state assenze pesanti: basta vedere i risultati altalenanti della squadra (3 sconfitte ed altrettante vittorie). Novakovich invece è stato fuori nelle ultime 2 partite (Pordenone e Cremonese) e Cicerelli ha saltato la sfida con la Cremonese dopo l’infortunio nel primo tempo della gara in casa del Pordenone.

Garritano, il “trasformista”

Luca Garritano

L’ex Chievo fino alla trasferta del 6 marzo ad Ascoli è stato uno degli elementi imprescindibili nello scacchiere giallazzurro. Poi lo stop per problemi muscolari e al tallone. Un giocatore capace di ricoprire 2 ruoli nella stessa partita ed addirittura nella stessa azione. Centrocampista ma anche attaccante. Attaccante ma anche centrocampista. Una duttilità più unica che rara grazie al dinamismo, alla tecnica e all’intelligenza tattica.

Ufficiale di collegamento tra centrocampo ed attacco ma anche incursore. E poi quanto corre. Una molla in mezzo al campo. L’unico neo finora sottoporta. Spesso Garritano non ha avuto l’istinto del killer. Ed infatti in 28 presenze (24 da titolare e 4 in corsa) ha segnato solo 2 reti. Potevano essere molte di più se si considera la mole di gioco prodotta e le occasioni.

A Terni potrebbe partire dalla panchina ma non è esclusa la sorpresa di vederlo subito in campo. Centrocampista ma anche attaccante. Attaccante ma anche centrocampista.

Zampano, un “pendolino” imprendibile

Francesco Zampano dopo il gol segnato al Brescia

E’ sicuramente uno dei punti di forza della squadra di Grosso. Un “treno” sulla fascia destra ma anche a sinistra quando è stato utilizzato sulla corsia mancina. Tra i migliori terzini della Serie B tanto che nei giorni scorsi è circolata la voce di un forte interessamento del Parma per la prossima stagione. Il giocatore è in scadenza di contratto, non ha ancora rinnovato e quindi potrebbe essere ingaggiato a parametro zero. Ed onestamente per il Frosinone sarebbe una perdita importante.

Zampano si è fermato per un infortunio muscolare dopo la gara vinta contro il Benevento il 18 marzo. Fino a quel momento 30 partite (28 dall’inizio e 2 da subentrato), 2 gol e ben 5 assist. Al di là dei numeri un rendimento altissimo, una spina nel fianco di tutte le difese che ha affrontato. Il suo cambio di passo, il coraggio di cercare l’uno contro uno ed una qualità medio-alta sono state le armi di Zampano. Il suo ritorno è fondamentale nell’economia del gioco di Grosso: nelle partite in cui è stato assente la spinta sulle fasce è mancata tanto. Il Frosinone insomma avuto una soluzione offensiva in meno.

Lunedì dovrebbe iniziare in panchina ma chissà se in corso d’opera le sue scorribbande non possano fare la differenza com’è successo in tante occasioni.

Novakovich e Cicerelli, alternative di lusso

Andrjia Novakovich

L’attaccante statunitense, out 2 turni per una fastidiosa gastronterite, potrebbe anche giocare dal 1’ considerando la perdurante assenza di Charpentier. Grosso ritrova un centravanti puro, forte fisicamente con caratteristiche differenti rispetto a Ciano utilizzato da prima punta.

Insomma un’alternativa importante sotto tanti punti di vista. Andrjia non ha vissuto una stagione particolarmente fortunata a causa dei problemi fisici accusati nell’estate scorsa. Al suo attivo 25 presenze con 2 gol e 5 assist. Ma solo 6 volte è stato titolare. In questo finale di stagione però può diventare l’uomo in più: anche negli anni passati ha finito in crescendo.

Emanuele Cicerelli dopo il gol-vittoria al Crotone

Cicerelli viene definito il  “re dei subentri”: per 21 volte su 27 presenze è stato impiegato in corsa. Grosso potrà tornare a contare su di lui dopo l’infortunio capitatogli a Lignano.

Un esterno d’attacco veloce, tecnico, dotato di dribbling e buon tiro. Ha segnato 3 gol pesantissimi di cui 2 decisivi. Il giocatore ideale per un finale di stagione tirato nel quale serviranno i guizzi degli attaccanti.

Attenti a quei quattro.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright