Antonio Tajani su Twitter: «Pronto a servire l’Italia facendo il premier»

Antonio Tajani ha sciolto la riserva: è pronto ad accettare il ruolo di Presidente del Consiglio dei Ministri. Lo ha rivelato Silvio Berlusconi a Matrix. Tajani conferma con un tweet: "Pronto a servire l'Italia"

Antonio Tajani ha sciolto la riserva: è pronto a lasciare il Parlamento Ue per accettare il ruolo di Presidente del Consiglio dei Ministri Incaricato in caso di vittoria del centrodestra alle elezioni di domenica prossima. Se Forza Italia sarà il primo Partito della coalizione a 4 esprimerà il suo nome al Capo dello Stato.

 

Lo ha rivelato poco fa in diretta su Canale 5 Silvio Berlusconi intervenendo alla trasmissione Matrix.

 

Il Cavaliere ha detto: «Sono lieto di potervi annunciare una buona notizia. L’attuale presidente del Parlamento europeo il nostro amico Antonio Tajani ha finalmente sciolto la riserva sul suo nome e ha dato la disponibilità che gli avevamo richiesto a guidare il prossimo governo di centrodestra».

Berlusconi ha poi precisato che «Antonio Tajani mi ha dato la disponibilità. Dopo che io avrò fatto questo annuncio, mi ha detto, io confermero con una dichiarazione alle agenzie di stampa“.

 

Dopo pochi minuti, intorno alle 22.10 di questa sera, Antonio Tajani a pubblicato un tweet confermando le dichiarazioni del fondatore di Forza Italia.

«Ringrazio Il Presidente Berlusconi per il suo atto di stima nei miei confronti.Ho dato a lui,stasera,la mia disponibilità a servire l’Italia.Ora ogni ulteriore decisione spetta ai nostri concittadini ed al Presidente della Repubblica»

 

In mattinata Antonio Tajani aveva detto che in Europa c’è più bisogno d’Italia.

«L’Italia e’ paese fondatore della Ue.  Dobbiamo contare di più. Se Germania e Francia contano di più e’  perché sono presenti. Anche l’Italia deve contare di più, ma deve  avere idee, strategia, una rete: e invece gli italiani a Bruxelles  sono cani sciolti, non è questione di destra, centro, sinistra. E’  sempre mancata una strategia».

Un intervento più da premier nazionale che da presiedente dell’aula di Bruxelles e Strasburgo. Tajani – che è intervenuto partecipando al Campus della Link  University – ha aggiunto «Serve piu’ Italia in Europa per tutelare meglio i  nostri interessi, certo, ma anche per un’Europa più equilibrata.  Dobbiamo contare di più: non possiamo chiedere alla Merkel di fare  anche il premier italiano“.

Temi che dovranno essere affrontati anche  dal prossimo presidente del Consiglio italiano: «Qualunque sia il  prossimo premier dovrà  imprimere una svolta» ha detto Antonio Tajani, tenendosi ben lontano dalle voci che lo  riguardano come candidato del centrodestra post voto 4 marzo.

Erano ancora le ore 19:27. A chi gli afceva notare che le sue parole erano più da premier italiano che da presidente del parlamento Ue, Tajani replicava: Ho preso un impegno con me stesso durante  questa campagna elettorale di non parlare di cose italiane e di non  fare campagna elettorale. Non mi sono candidato e non credo che sia  giusto strumentalizzare in campagna elettorale il Parlamento europeo.  E’ una questione di rispetto delle istituzioni».

Alle 22:10 il tweet: “Pronto a servire l’Italia”.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright