Federlazio, Malagola è il nuovo direttore di Latina

Ha preso possesso oggi della sede di Latina il nuovo direttore di Federlazio Claudio Malagola. Aveva già lavorato con l'associazione ai tempi di Di Micco. Ora era in Unicredit. La rottura con Motulese che sta avviando un'altra associazione.

Cambio al vertice della Federlazio di Latina: Claudio Malagola è il nuovo direttore dell’associazione pontina.

Federlazio ha deciso di passare il timone della propria sede ad una persona del luogo, con una lunga esperienza nel mondo imprenditoriale locale e ampia conoscenza dell’associazione.

Claudio Malagola, 58 anni, nato e cresciuto a Latina, è stato per 12 anni il responsabile della sede locale del Confidi Lazio, lo storico consorzio di garanzia fidi della Federlazio. Conosce le dinamiche dell’Associazione avendo lavorato per anni a stretto contatto con i colleghi di Federlazio Sede di Latina. Ma soprattutto ha già lavorato direttamente con le imprese dell’Associazione, ai tempi della gestione di Tony Di Micco.

Nel curriculum del nuovo direttore ci sono i dieci anni (dal 1982 al 1992) trascorsi alla Banca Popolare di Terracina. Negli ultimi 14 anni (2004-2018) è stato direttore di Filiale e poi di Distretto di Unicredit Spa, occupandosi proprio dell’area pontina.

Prende il posto di Saverio Motolese, licenziato al termine di una tumultuosa assemblea nello scorso mese di maggio (leggi qui La guerra di Federlazio sull’asse Frosinone – Latina). Alla quale era seguita anche una spaccatura tra gli imprenditori, con l’abbandono del presidente Olivetti (leggi qui Terremoto in Federlazio: Olivetti se ne va. I sospetti su Frosinone).

Proprio Motolese ha dato vita, con i fuoriusciti, ad una nuova associazione: Impresa.

Il nome di Malagola è stato scelto dal direttore generale Luciano Mocci e dal presidente Rossignoli non solo per le sue doti tecniche ma anche per quelle diplomatiche.

«Sono onorato – ha detto il neo direttore – per la fiducia che Federlazio ha voluto riservarmi. Considero questa mia nuova ed entusiasmante opportunità come un ritorno a casa. Come ho già avuto modo di dire proprio oggi a tutti i miei nuovi associati attraverso una lettera a loro indirizzata, ci tengo a sottolineare che l’attività della Federlazio prosegue e proseguirà nel segno della continuità e che, al di là dei singoli che si sono succeduti negli anni portando ciascuno il proprio contributo, ciò che rimane immutata è l’Associazione con la sua storia, la sua lunga esperienza, il suo radicamento sul territorio e soprattutto la sua progettualità per il futuro».

A dargli il benvenuto è stato il presidente regionale di Federlazio, Silvio Rossignoli.

«Il nostro primo impegno è sempre rivolto alle nostre aziende associate. Lo dimostra la scelta di aver voluto affidare con forza la guida della nostra sede pontina ad un uomo del luogo con alle spalle una ampia esperienza con il tessuto imprenditoriale locale. Gli imprenditori della Federlazio potranno contare come sempre sul totale apporto dell’Associazione per ogni loro quotidiana esigenza di lavoro».

.