Le idee viaggiano sulla faccia degli uomini: ma bisogna averne una

(Foto: Welcome to Favelas)

Senza Ricevuta di Ritorno. La ‘Raccomandata’ del direttore su un fatto del giorno. Quelli che i giudici sono bravi fino a quando non indagano mio figlio... Quelli che l'importante è trovare un colpevole... Quelli che... tamponano e si scusano: pure se sono premier

È un Paese strano il nostro. Cialtrone e spaghettaro. Ma capace di grandi slanci. 

Dove il leader del Partito che è nato e si è radicato in poco tempo, arrivando addirittura al Governo, puntando tutto sui giudici e la loro azione contro la politica, sulla trasformazione di internet in una gogna nella quale esibire gli avversari al minimo sospetto, appena è il figlio ad essere sospettato, denuncia il giustizialismo dei magistrati e l’assenza di garanzie per gli indagati; si esibisce in scempiaggini che sono la negazione di ciò che ha detto per anni: come il fatto che una ragazza non è credibile se denuncia lo stupro dopo otto giorni; dimenticando che ce ne sono alcune che non ci riescono per anni.

Beppe Grillo (Foto: via Imagoeconomica)

E’ un Paese strano il nostro. Dove un signore non si presenta al lavoro per 15 anni e nessuno osa dirgli nulla. Anzi, una ci aveva provato, facendogli una lettera di richiamo per chiedergli di giustificare le sue assenze dell’ufficio dell’ospedale di Catanzaro in cui nessuno lo aveva mai visto. E lui allora era andato: ma non per lavorare, bensì per minacciare la signora di sciagure per lei e la sua famiglia. Negli anni a venire, nessuno più aveva domandato. E quando era stata istituita una commissione, nessuno aveva avuto da ridire. Ora sono indagati: loro, quelli della commissione. Alessandro Manzoni fece dire a don Abbondio che chi non lo ha il coraggio mica se lo può inventare. Ma se ci fosse stata la presenza di uno Stato, forse si sarebbero sentiti più protetti e in dovere di parlare. Invece: abbiamo trovato i colpevoli. (Leggi qui)

In Nord Europa ci sono Re che viaggiano senza scorta e vanno a fare la spesa. Da noi si viaggia con la scorta. Ma almeno se fai un incidente, come è successo oggi, il premier scende e chiede scusa come se al volante ci fosse stato lui.

Ecco: è questa la sintesi. Le idee, le azioni, gli esempi positivi e negativi, viaggiano sulle gambe degli uomini. E anche sulla faccia. Bisogna ricordarsi di averne una. 

Senza Ricevuta di Ritorno