Il risiko di Unindustria, l’ora di Turriziani e Klinger

Il grande Risiko degli industriali nel Lazio è alle mosse finali. I ‘saggi’ hanno ultimato le consultazioni nella categoria e stanno per presentare i nomi all’assemblea riservata. E’ lei che dovrà decidere chi designare alla loro guida. A Frosinone come a Latina, a Rieti come a Viterbo.

 

A Frosinone c’è Giovanni Turriziani per raccogliere il testimone da Davide Papa , a Latina il nome è quello di Giorgio Klinger.

Verranno eletti il 27 settembre. Quel giorno, l’assemblea degli industriali del Lazio riuniti in Unindustria (la seconda più potente organizzazione di categoria in Italia dopo Assolombarda) ufficializzerà il nome del successore del presidente regionale uscente Maurizio Stirpe , salito alla vice presidenza nazionale di Confindustria. E con il suo erede verrà eletta la nuova squadra, nella quale ci sono i vice presidenti responsabili delle singole province.

 

Alla guida di Unindustria andrà Filippo Tortoriello, patron di Gala, quarto gruppo italiano (e primo dopo i big) nella vendita di energia. Ma soprattutto candidato di Luigi Abete. Sul suo nome, l’assemblea si è divisa: a capitanare il fronte del dissenso è stata Enel, che ha raccolto 15 voti contrari contro gli 85 favorevoli. Che in un ambiente monolitico come quello industriale è un dato alto. Tortoriello è stato preferito a Giampaolo Letta (figlio di Gianni, già eminenza azzurra di Silvio Berlusconi) che ad un certo punto della corsa ha ritirato la propria disponibilità.

 

Giovanni Turriziani invece è ad un passo dalla nomina a vicepresidente di Unindustria Lazio, che significa presidente provinciale degli industriali di Frosinone. Turriziani è attualmente il vice presidente nazionale di Assopetroli – Assoenergia, l’associazione storica che dal 1949 rappresenta le imprese del settore ‘Prodotti e servizi energetici’, lì è responsabile dello strategico ‘Comitato Rete’. In quell’incarico lo volle con forza lo scorso anno il presidente Franco Ferrari Aggradi dopo averlo visto all’opera nel Comitato di Presidenza in qualità di Delegato del Comitato Tecnico Rete. Quarant’anni, Turriziani è procuratore generale dell’azienda di famiglia: la Turriziani Petroli, colosso nella distribuzione dei carburanti, con un capitale sociale interamente versato di 5 milioni di euro.

 

Non uscirà di scena Davide Papa. Il presidente uscente, giunto al termine del quadriennio di governo, dovrebbe restare con un ruolo diplomatico ed operativo nell’area dell’automotive.

 

Giorgio Klinger invece è il direttore generale della Sicamb, l’industria di eccellenza che ha sede a Latina dove si occupa di produzione e revisione dei seggiolini eiettabili installati a bordo dei jet da Caccia delle principali aeronautiche militari nel mondo. Klinger è attualmente presidente della sezione Metalmeccanica, metallurgica e costruzione macchinari di Unindustria. Ingegnere meccanico, Klinger ha fatto parte del team di progettisti che in British Aerospace ha messo a punto i velivoli A380 ed A340-600 e per Aermacchi è stato Program Manager.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright