Un tabù che può diventare incubo, ma Grosso vuole trasformarlo in sogno

Il Frosinone non vince all’esordio dal 2017 (2-0 a Vercelli) e domenica a Modena proverà a cambiare la storia. Negli ultimi anni la prima di campionato è stata avara di soddisfazioni.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Un tabù che potrebbe diventare un piccolo incubo se il Frosinone non riuscirà quanto prima ad invertire il trend. I debutti in campionato da qualche anno a questa parte sono stati avari di soddisfazioni e di punti. Solo 1 negli ultimi 4 anni, mentre la vittoria manca da un lustro. La stagione scorsa il 2-2 col Parma ha interrotto una serie di 3 sconfitte di fila senza segnare gol e con 9 reti subite.

Domenica al “Braglia” di Modena il Frosinone avrà l’occasione di completare l’opera, ritrovare il successo e partire col piede giusto che è sempre importante. Ancor di più in un campionato così competitivo.

I motivi delle false partenze

La vittoria dell’Empoli allo “Stirpe” alla prima del campionato 2020-2021

Difficile trovare le cause precise di questi debutti deludenti. Ogni campionato infatti fa storia a sé e le problematiche possono essere  differenti. In passato probabilmente il Frosinone ha fatto fatica anche perché arrivava da stagioni lunghe per via dei playoff o stressanti dopo la retrocessione dalla Serie A. E quindi la ripartenza è stata più complicata. Una sorta di diesel che aveva bisogno di carburare.

La stagione scorsa invece il Frosinone di Grosso è apparso subito pimpante ed ha pareggiato col Parma giocando un’ottima gara. Il lungo lavoro in ritiro ha pagato in termini di brillantezza tanto che nelle 4 prime partite ha conquistato ben 8 punti.

Anche quest’anno i canarini hanno svolto una preparazione molto intensa a partire dal primi di luglio. Dunque Grosso proverà a partire di nuovo forte. Già la gara di Coppa Italia a Monza, al netto della sconfitta, ha messo in mostra una squadra in palla.

Cinque anni fa l’ultima gioia

Un’azione di Pro Vercelli-Frosinone, ultima gara vinta dai canarini al debutto

Il successo al debutto manca dal 26 agosto del 2017. Un’altra epoca calcisticamente parlando, un altro Frosinone, un’altra Serie B. La squadra ciociara, allenata dall’emergente Moreno Longo, vinse 2-0 sul campo della Pro Vercelli, l’ex formazione dello stesso tecnico. A segnare Dionisi (poi espulso) e Paganini.

Era un Frosinone grandi firme che puntava senza mezze misure alla promozione in Serie A dopo la delusione dell’eliminazione in semifinale playoff contro il Carpi. Obiettivo centrato a fine stagione grazie al successo nell’ormai storica finale vinta contro il Palermo.

Tre rovesci consecutivi ed il pari contro Buffon

Da dimenticare il ritorno in Serie A il 20 agosto del 2018: il Frosinone crolla sotto i colpi dell’Atalanta. Un 4-0 firmato da Papu Gomez (doppietta), Hateboer e Pasalic. Un campionato iniziato malissimo e finito peggio con la retrocessione.

Attilio Tesser, tecnico del Modena, ha battuto il Frosinone al debutto del campionato 2019-2020 quando era alla guida del Pordenone

L’anno dopo  il Frosinone di Nesta esordisce sul campo della matricola Pordenone, guidata guarda caso da Attilio Tesser, oggi tecnico del Modena. Un incrocio che evoca brutti ricordi: i friulani infatti rifilano 3 gol ai ciociari (doppietta di Pobega e sigillo di Barison). Il Frosinone comunque sfiora la Serie A, sfumata solo nella finale playoff con lo Spezia.

Ancora una delusione nel 2020-2021. I giallazzurri, reduci dal ko con lo Spezia. vengono sconfitti allo “Stirpe” dall’Empoli per 2-0 con gol di Moreo e La Mantia. I toscani, allenati da Alessio Dionisi, vinceranno il campionato.

Uno spiraglio di luce nel campionato scorso. Nell’open day giocato allo “Stirpe” contro il Parma di Buffon i ragazzi di Grosso si battono con coraggio e qualità. Vanno in vantaggio con Zerbin, subiscono il ritorno di Tutino e Man e poi nel finale acciuffano il pari grazie alla zuccata di Charpentier. Domenica al “Braglia” di Modena per trasformare il piccolo incubo in un bel sogno.  

Gori alla Triestina, interessano Caldirola e Cyzborra

Il difensore Caldirola il primo a sinistra in piedi

Ufficiale l’addio di Gori. Il centrocampista, come anticipato, è passato a titolo definitivo alla Triestina. Mirko ha firmato un triennale (un anno in più di quanto aveva col Frosinone).

Il club giallazzurro continua la ricerca di rinforzi soprattutto per il pacchetto terzini. Per la fascia sinistra si valuta il tedesco Cyzborra in uscita dal Genoa. Mentre a destra Vignali s’allontana: lo spezzino potrebbe tornare al Como dove ha giocato nel torneo passato.

Il Frosinone poi ha sondato gli Under 23 della Juve Barbieri (terzino destro) e Rafia (centrocampista). Piace l’esperto difensore centrale Caldirola del Monza. Domenica in occasione della sfida di Coppa Italia i dirigenti delle 2 società si sono confrontati. Infine nel mirino dei ciociari è finito anche il centrocampista Luperini del Palermo.          

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright