Quadrini prende le misure a Montecitorio: inizia dal ristorante

L'eroico presidente della Comunità Montana di Arce (sopravvissuta con pervicacia alla liquidazione) ha iniziato la scelta. Camera, Senato o Regione? Deciderà dopo avere mangiato nei 3 ristoranti. Oggi la prima tappa.

Camera dei Deputati, Senato della Repubblica o Regione Lazio? Gianluca Quadrini, eroico presidente dell’indomita Comunità montana di Arce (sopravvissuta alla liquidazione) ha iniziato a valutare in quale competizione candidarsi.

Come prendere una decisione tanto difficile? In base alle competenze, ha suggerito qualcuno dei suoi consiglieri. Quindi valutare se si sente più portato per il dibattito politico (e allora scegliere Montecitorio), oppure se preferisce la mediazione e la rifinitura (più adatto allora Palazzo Madama). Ma se sente un sincero trasporto verso l’amministrazione pratica allora non può scegliere altri che la scheda che porta alla Pisana.

Gli stretti collaboratori hanno riempito la testa dell’Eroico con concetti di Educazione Civica e competenze. Altri gli hanno fatto notare le differenti possibilità di carriera politica, a seconda del percorso scelto: finanche Sottosegretario. Infine, i più pragmatici hanno puntato l’attenzione sulla differenza di appannaggio che compete alle tre cariche.

Gianluca Quadrini, eroico presidente dell’indomita Comunità Montana di Arce (pervicace alla liquidazione) ha deciso d’usare il suo solito metodo: andare sul posto e verificare di persona.

Il primo sopralluogo lo ha compiuto oggi. Si è presentato (senza fascia azzurra della Provincia di Frosinone, né quella verde della Comunità) all’ingresso di Montecitorio. Ha iniziato l’ispezione partendo dalla Camera dei Deputati. Da dove: Emiciclo, Transatlantico, Aula? Macché: l’eroico è andato al sodo. Al ristorante.

All’ignaro cameriere che si è avvicinato per servirlo, declinando i piatti del giorno, dopo avere ascoltato con competenza, attenzione ed interesse, l’Eroico ha detto «Va bene».

«Va bene, cosa, onorevole?»

«Tanto per cominciare, dalle parti mie ‘Onorevole’ ci chiamano Mario Abbruzzese: a me mi chiamano Presidente oppure Eroico»

«Come preferisce, Eroico Presidente: cosa gradisce per pranzo?»

«Tutto. Porta tutto il menù. E fai anche porzioni generose che devo decidere dove accasarmi»

Il cameriere ha compiuto una serie di viaggi, in alcuni casi portando anche il bis. Tutto, sotto l’occhio stupito del Deputato che ospitava l’Eroico Presidente per discutere con lui proprio delle prossime candidature.

A fine pasto, Gianluca Quadrini ha lasciato un omaggio al cameriere: uno dei libri sui personaggi famosi della Comunità Montana (lui non risulta ivi recensito) che in genere dona alle delegazioni cinesi in visita ad Arce.

«Non lo so se ci rivedremo presto. Ora vado a vedere come si mangia al senato e poi alla Regione. Avverti il cuoco però: non mi sono trovato tanto male. Potremmo vederci spesso, tra qualche mese».