In Svezia scrivono: il Frosinone è su Kujovic (di G.Lanzi)

Giovanni Lanzi
Giovanni Lanzi

Giornalista epurato

di GIOVANNI LANZI
Giornalista temporaneamente senza carta

CALCIOMERCATO / Il bomber della nazionale scandinava, di origine montenegrina, fu un obiettivo un anno fa. Ma per ora l’attacco canarino è ‘full’
I media svedesi: il Frosinone su Kujovic
Il frusinate Mattia Montini, scuola Roma, semina gol nel Monopoli: è un obiettivo del Sassuolo

Un anno fa fu un obiettivo sensibilissimo del Frosinone durante la sessione invernale del calciomercato. C’era la necessità di mettere sostanza alle spalle di Daniel Ciofani e Dionisi, perché Longo era praticamente nullo. Non se ne fece nulla. Adesso l’attaccante montenegrino ma ormai naturalizzato svedese Emir Kujovic secondo i media svedesi è stato di nuovo accostato al club giallazzurro. La notizia è circolata anche con un tweet nella notte tra venerdi e sabato e poi riportato sul web del paese scandinavo.

Il nome della punta avvicinato al Frosinone e di altri due calciatori svedesi (Sabbe e Sven Nyman detto ‘Totte’) rispettivamente destinati al Galatasaray e ad un club scandinavo. Kujovic –- ariete classe ’88 che gioca anche nella nazionale svedese – milita nella squadra belga del Gent dove era arrivato l’inverno scorso dal Norrkoping. Anche i giornali online del posto lo danno in uscita, il tweet indica il Frosinone come possibile destinazione. E’ una traccia, non vuol dire che l’affare è fatto tantomeno che si farà anche perché il Frosinone in quel ruolo ha raggiunto gli obiettivi.

Nel gennaio scorso si parlò per lui di un trasferimento in prestito oneroso ad una cifra vicino ai 200mila euro e riscatto fissato ad 800mila euro ma la classifica deficitaria della squadra di Stellone alla fine del girone di andata consigliò di restare sottocoperta. E magari rimandare il contatto. Kujovic sotto il profilo tecnico e strutturale è paragonabile a Daniel Ciofani. E’ ’alto quasi due metri, stazza importante quindi. Uomo d’area. Quindi al momento appare anche abbastanza complicato immaginare l’ingaggio del montenegrino-svedese, visto che nell’organico – che è sempre sottoposto al limite degli ‘over’ – ci sono tre pezzi da novanta – Ciofani, Dionisi e Cocco – al quale si sta per aggiungere Mokulu.

NEMO PROPHETA IN PATRIA – Al Monopoli, in Lega Pro, gioca e fa gol un frusinate doc, Mattia Montini. Tutta la trafila con la minori della Roma, già campione d’Italia con la Primavera allenata da Alberto De Rossi nella stagione 2010-’11 quando Montini decise la finalissima con il Varese con tre reti. Ha poi iniziato un lungo peregrinaggio sui campi di Lega Pro (Benevento), quindi in B a Cittadella, di nuovo a Benevento in Lega Pro, poi a Castellammare di Stabia ed Arezzo sempre in Lega Pro dove entra in rotta di collisione con il tecnico Eziolino Capuano.

Quindi la Pro Patria, stagione da dimenticare per lui e per la squadra lombarda. All’improvviso l’esplosione, nel Monopoli. Dove il ragazzo ha firmato 11 reti nella prima parte della attuale stagione. Su di lui c’è l’’interesse del Sassuolo che lo ha bloccato per il prossimo anno. Nel frattempo si sarebbe inserito anche il Lecce che punta alla serie B senza mezzi termini dopo troppe stagioni di fallimenti. Il ds Meluso ha messo sul piatto due giocatori, il Monopoli però ha già l’accordo con il Sassuolo.

LE ALTRE DI SERIE B – L’ex attaccante del Frosinone, Gaetano Masucci, oggi alla Virtus Entella, è nel mirino del Pisa che vorrebbe anche Ganz del Verona ma il club scaligero lo ha tolto dal mercato. Alla ripresa del campionato il Frosinone potrebbe non trovarlo nella formazione di Breda anche perché l’offerta della società neroazzurra appare molto interessante. Il nuovo corso del Pisa sembra voler fare le cose in grande: fari orientati su De Luca del Bari che sta per annunciare il centrocampista offensivo Parigini, scuola-Toro, e sogna Floccari mentre il ds Sogliano si è diretto su un suo ex giocatore nel Verona, il centrocampista Marrone.

Il Bari nella galleria dei sogni inserisce una serie di seconde punte: Giannetti del Cagliari, Donnarumma della Salernitana e Catellani del Carpi. Ma piace Petkovic del Trapani. Per il centrocampo l’idea è Leandro Greco che però deve rescindere dal Verona. Non si abbandona la pista che porta a Francesco Lodi.

A Cesena l’attaccante Ciano potrebbe approdare in serie A al Chievo. Nel Verona la lista over a 18 mette in discussione le presenze di Maresca, Zuculini e Troianiello.

Il Perugia nelle mani di un ex ternano. E’ il portiere Alberto Brignoli di proprietà Juventus. L’infortunio di Rosati ha obbligato ad andare su un portiere di categoria un rinforzo non previsto, ma obbligato. Torna anche il centrocampista Fazzi, che con il Crotone ha avuto poco spazio. Per il centrocampo si pensa a Scozzarella del Trapani ma non si abbandona mai il sogno del giallazzurro Gucher. La cessione di Bianchi ha portato ad interessarsi alla vicenda dell’albanese Manaj che il Pescara ha rispedito all’Inter ma anche al bulgaro Galabinov del Novara.

La Ternana è ad un passo da Insigne jr dal Napoli, battuta la concorrenza del Latina. Al capitolo entrate la lista è lunghissima: piace Monachello dell’Atalanta che il Bari ha rispedito al club orobico (ma è stato operato), piace Riverola del Foggia, piace il difensore Claiton del Crotone ma il sogno è il gioiellino D’Urso del Latina, scuola-Roma. Il Vicenza nel frattempo non ha definito per l’italo-nigeriano Giulio Ebagua della Pro Vercelli, la Ternana resta in corsa. Sempre da Terni potrebbero salpare destinazione Salerno l’ex canarino Zanon e il centrale di difesa Meccariello.

L’’infortunio e l’intervento chirurgico del centrocampista Lora ha messo il Cittadella  nella condizione di doversi cautelare: accordo raggiunto con Federico Maracchi, classe 1988, del FeralpiSalò.