Il lievito non fa distinzione e fa crescere tutta la pasta… (di P. Alviti)

Il lievito, per far fermentare la pasta, ha bisogno di essere impastato, di confondersi con la pasta, di non fare distinzioni, di essere disponibile a tutta la pasta.

Pietro Alviti
Pietro Alviti

Insegnante e Giornalista

Il regno dei cieli si può paragonare al lievito, che una donna ha preso e impastato con tre misure di farina perché tutta si fermenti

*

È facile provare scoraggiamento di fronte alla gran massa di notizie cattive che ci piombano ogni momento nei nostri telefonini o che i telegiornali ci rovesciano addosso. Ci sembra, in ogni momento, che tutti i nostri sforzi di costruire una buona famiglia, buone amicizie, di essere attenti sul lavoro, di non cedere alle lusinghe della corruzione e del denaro facile, di non lasciarci travolgere dalle passioni, siano inutili, vani.

Il mondo sembra andare in tutt’altro senso rispetto a quelli che riteniamo i valori del vivere civile. L’avranno fatta anche a Gesù questa domanda: noi cerchiamo di essere buoni ma i malvagi trionfano, hanno potere, sono ricchi, prevaricano i miti, sfruttano i poveri che non sanno difendersi.

E lui propone l’immagine del lievito che per far fermentare la pasta ha bisogno di essere impastato, di confondersi con la pasta, di non fare distinzioni, di essere disponibile a tutta la pasta, infinitamente superiore per dimensione e peso.

Il lievito non fa eccezioni, non distingue, non favorisce una parte piuttosto che un’altra. Il lievito è lì a fermentare, paziente, sapendo che, soltanto grazie allo sforzo di ammassare, la pasta potrà finalmente lievitare.

Il lievito è lì a testimoniare che si può essere buoni, che si può aiutare il prossimo, che si può essere solidali, che non è vero che il male vince. Certo, se il lievito si guasta, se il lievito perde le sue caratteristiche tutto torna ad essere vano.

Ecco siamo messi nel mondo per essere lievito in una pasta che a volte può essere anche fortemente antipatica, violenta, vigliacca, approfittatrice… ma soltanto grazie al lievito potrà fermentare e cambiare, potrà essere quel pane di vita che tutti attendono.