Ecco il nuovo ospedale: 900 posti per terremoti e virus

Un nuovo ospedale per Latina. Pensato in maniera moderna: a moduli, per affrontare ogni emergenza. Dai terremoti ai virus, fino a 900 posti. Iniziativa dell'Ance.

Sarà un’ospedale gioiello, realizzato per moduli indipendenti. In grado di affrontare le più svariate emergenze: dalle possibili nuove pandemie ai danni per un’eventuale eruzione del Vesuvio. E sarà realizzato in 5 anni, con una spesa generale di circa 385 milioni. È il nuovo ospedale pontino, il cui primo simbolico atto, la consegna virtuale del progetto, è avvenuto questa mattina.

Una consegna virtuale perché è avvenuta nel corso di una conferenza stampa in modalità telematica alla presenza di Daniele Leodori, vicepresidente della Regione Lazio, dei vertici della Asl Latina e dell’Ance l’associazione dei Costruttori Edili. Il nuovo ospedale è un dono dell’Ance alla stessa Asl pontina.

Novecento posti in caso di pandemia

Il DG Asl Giorgio Casati

Ospiterà 696 posti letto con la previsione di poter facilmente trasformare parte del grande parcheggio previsto in un nuovo modulo emergenziale in grado di accogliere altri 200 posti.

Il progetto presentato oggi– ha spiegato nel corso della conferenza il Dg della Asl di Latina Giorgio Casatifornisce una visione di un’ospedale moderno: una struttura modulare in cui le varie componenti potranno essere isolate le une dalle altre. È una caratteristica molto importante in caso di situazioni epidemiche come quella attuale».

«La sua dimensione sarà tale da poterci consentire di accogliere tutte le nostre unità operative di carattere universitario che sono sparse in diversi luoghi del territorio. Inoltre un altro elemento di assoluta modernità che lo caratterizza è l’area denominata ‘ospedale dormiente’, che potrà essere attivata in caso di emergenza. Ora dobbiamo lavorare per ricondurre questa progettualità nel quadro economico a nostra disposizione, verificando l’interesse di altre fonti di finanziamento oltre alla Regione Lazio, come il ministero degli Interni o la Nato».

Non un ospedale ordinario

Foto © Sergio Oliverio / Imagoeconomica

 Il nuovo ospedale pontino in effetti, avrà un raggio di azione molto ampio e non si limiterà alla normale amministarzione sanitaria.

Il presidente dell’Ance di Latina Pierantonio Palluzzi ha infatti ricordato come «la struttura sia stata pensata anche come risposta in caso di terremoto, vista l’area, ma anche per possibili eruzioni del Vesuvio. In altre parole è stato concepito per soccorrere le persone in un raggio di 300 chilometri. Pensare che il parcheggio possa diventare in poco tempo un nuovo pezzo autonomo dell’ospedale, con un Pronto Soccorso adattato, sembrava qualche tempo fa una cosa futuribile che però ora è diventata attuale con la pandemia del coronavirus».

Per il presidente Palluzzi in 4 o 5 anni sarà possibile avere il nuovo ospedale, concepito su una nuova struttura all’avanguardia in Europa. Avrà il più basso livello di consumo energetico in tutto il Vecchio continente.

Leodori: impegno da mantenere

Daniele Leodori

Il vice presidente della Regione Daniele Leodori è stato chiaro sul futuro. «Questo è un momento molto importante. Oggi avviene la consegna simbolica dell’ospedale che sarà costruito. Ma con il nuovo anno penso ad un evento pubblico. Occorre approfondire meglio le tempistiche e il lato finanziario, con una possibile modifica del progetto».

«Dobbiamo immaginare una realizzazione a moduli, anche perché il progetto pensato inizialmente era più basso in termini di posti letto. Ma come Regione Lazio avevamo l’impegno, che vogliamo manentere, di realizzare il nuovo ospedale di Latina, e per questo c’è già uno stanziamento pubblico».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright