Niente cena a casa di Sarah, il Pd è a dieta

Sarah Grieco può evitare di mettere a bollire l’acqua. La cena nella quale cercare di riunire intorno ad un tavolo le varie anime del Pd di Cassino non si farà.

La proposta l’aveva lanciata subito dopo la verifica dei voti ottenuti alle scorse Comunali, martedì sera. Incassata la conferma della sua elezione, l’esponente dell’area Pd che fa riferimento a Francesco Mosillo aveva detto «Abbiamo il dovere di guardare avanti. Stanno lì i problemi della città. Faccio io la proposta: invito a cena a casa mia i rappresentanti delle varie sensibilità presenti nel Pd di Cassino. E vediamo se insieme riusciamo a rincollare i cocci». (leggi qui)

 

MARINO E’ A DIETA

Dice no in maniera convinta il consigliere regionale Marino Fardelli, a nome dell’area dell’ex sindaco Giuseppe Golini Petrarcone.

«Spiacente ma sono a dieta – taglia corto Marino Fardelli – e poi le discussioni si fanno nella sede deputata al confronto: la sezione di Partito. Così finalmente riapriamo quelle stanze, facciamo circolare un po’ di aria pulita. Il Pd non deve essere aperto solo quando vengono persone di Frosinone».

Fardelli vuole un esame di coscienza collettivo. «Ognuno riconosca i propri sbagli. Mi trovo in sintonia con quanti chiedono un ‘inversione di tendenza nel Pd: invece di sputarci in faccia tra noi, parliamo di problemi veri».

 

SALVATORE SOLO SCUSE

Il primo a dire no è stato Salvatore Fontana, in rappresentanza dell’ala Emiliano del Pd e del gruppo Io Democratico.

Il no a Sarah Grieco lo serve sulla sua bacheca Facebook. «Solo per chiarezza, il Partito Democratico non è un gruppo di amici da invitare a cena! La politica di fa nei luoghi preposti, cara Sarah Grieco.

Non vuole due bucatini ma un intero piatto di scuse. «Con rispetto personale nei tuoi confronti – scrive l’immobiliarista – credo che tu possa dare una mano al Partito chiedendo prima scusa a tutti noi per il tuo voto al centrodestra di Carlo Maria D’Alessandro alle scorse comunali, contribuendo alla sua vittoria! Un attimo dopo io sarò al tuo fianco per ricostruire L’Unità nel nostro Partito!»

 

SARAH CUCINA BENE

 

Cosa c’è dietro a questi due no così netti? Fino a pochi giorni fa non c’era la corsa a rincollare i pezzi del Pd? Che fine hanno fatto i segnali per il dialogo, lanciati in maniera chiara dall’uno e dall’altro fronte?

Il fatto è che Sarah Grieco cucina bene, politicamente parlando. Sia Marino Fardelli che Salvatore Fontana sono convinti che il piatto previsto nel menù non sia la riunificazione. Ma che si tratti di una manovra con cui spianare la strada verso una candidatura di Sarah al Senato.

Con quali speranze di elezione? Poche o nulle, con l’attuale testo di legge elettorale. Ma candidarsi al Senato, in questo particolare momento significherebbe sancire un ruolo. Opzionare la candidatura a sindaco di Cassino per le Comunali 2021.

Un piatto che vogliono cucinarsi sia Marino Fardelli (come sindaco) che Salvatore Fontana (come dominus dello schieramento).

Il motivo del fuoco di sbarramento sta tutto lì.

 

LA PISTOLA FUMANTE

La prova provata sta in un incontro avvenuto giovedì sera. Marino Fardelli e Peppino Petrarcone hanno parlato a lungo. E stabilito di essere pronti ad incontrare una delegazione del gruppo Fontana – Russo con cui avviare un discorso programmatico in vista del Congresso.

E con l’area di Francesco Mosillo? Il dialogo continua e si vedranno anche con lui. Ma non a casa di Sarah. E non con quel menù.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright