Rotondo abbraccia Folcarelli e chiude la parte azzurra della lista

Il sindaco uscente di Pontecorvo raggiunge l'intesa con uno dei candidati che cinque anni fa risultò tra gli avversari più ostici. Massimiliano Folcarelli questa volta si candiderà nella sua lista. Che ormai è chiusa. Manca solo un nome femminile.

La parte maschile è al completo, resta solo un posto nella quota riservata alle signore: poi la lista elettorale del sindaco uscente di Pontecorvo Anselmo Rotondo è al completo. Questa sera ha messo a segno un altro colpo: ha raggiunto l’intesa con Massimiliano Folcarelli, mister 455 preferenze alle scorse elezioni.

Sono voti che valgono doppio per Anselmo Rotondo. Perché Folcarelli li aveva ottenuti concorrendo nella lista di Riccardo Roscia cioè il fronte avversario. Schieramento rivale cinque anni fa e presente anche questa volta nelle Comunali di settembre.

Pontecorvo, il consiglio comunale

Massimiliano Folcarelli era il primo dei non eletti nella lista di Roscia. Era diventato consigliere comunale dopo la dichiarazione di decadenza del suo candidato sindaco e la conseguente estromissione dall’Aula.

L’adesione al progetto amministrativo di Anselmo Rotondo è il risultato di un lento avvicinamento. Iniziato nella primavera 2019: all’epoca due consiglieri di maggioranza votarono contro il Bilancio: «Se Massimiliano Folcarelli non si fosse astenuto, la mia amministrazione sarebbe caduta: Pontecorvo deve essergli grata per quell’astensione perché è grazie ad essa che siamo stati in grado di avviare molti dei lavori messi in cantiere durante l’ultimo anno».

Dopo quell’astensione, Folcarelli non è passato con la maggioranza. Ha mantenuto fede al suo ruolo. Tra lui e Rotondo però si è creato un feeling amministrativo. Agevolato forse dal fatto che parlino la stessa lingua: svolgono entrambi la professione di farmacista, Folcarelli è il responsabile della farmacia del Distretto Ospedaliero Cassino – Pontecorvo.

Ora la decisione di abbracciare il progetto amministrativo del sindaco.

Il Pd vuolele primarie

Riccardo Roscia

Nello schieramento di Rotondo dall’altro giorno sono presenti anche esponenti di matrice Pd. (leggi qui Rotondo cala il tris d’assi per vincere le prossime elezioni).

Ma il Circolo Dem di Pontecorvo non ha ancora deciso quale dei candidati sindaco appoggiare. Rimane convinto della validità delle Primarie come strumento per individuare la via.

Con un documento politico, ieri sera il Partito ha proposto ai candidati una semplificazione dello scenario e di sottoporsi alle primarie di coalizione per unire le forze e fare una sintesi. Il 28 giugno riunirà l’assemblea degli iscritti ed individuerà il suo nome da proporre agli altri competitor, lanciando la sfida.

Alla quale però non sembrano molto interessati.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright