Scoppia la guerra dentro Noi con Salvini: Cassino contro Frosinone

Cassino contro Frosinone. La sezione politica cittadina contro l’organizzazione provinciale.

La ribellione più evidente finora era stata quella del Pd di Cassino che accusa la Federazione d’avere determinato la sconfitta nelle scorse Comunali. Adesso si aggiunge la rivolta dei colonnelli di Noi con Salvini: non riconoscono il nuovo coordinatore comunale. E soprattutto sparano ad alzo zero contro la coordinatrice provinciale Kristalia Rachele Papaevangeliu.

A dare fuoco alle polveri è stata la decisione di decapitare il coordinamento comunale, sostituendo Claudio Monticchio con Giovanni Violo (leggi qui). Una punizione per non avere votato alle Provinciali il candidato indicato dal Movimento. Infatti, le due pesantissime preferenze ponderate di Cassino hanno contribuito all’elezione di Anselmo Rotondo  su indicazione di Mario Abbruzzese dominus di Forza Italia.

Alessioporcu.it – Iniziamo dal centro del problema, Monticchio: lei ed il suo collega in consiglio comunale Robertino Marsella avete votato per Anselmo Rotondo?
Claudio Monticchio – Si, abbiamo votato Anselmo Rotondo. Lo abbiamo fatto per una precisa scelta politica. Una decisione nella quale Mario Abbruzzese non c’entra proprio. 

 

Però gli ordini del Provinciale erano altri: il candidato di Noi con Salvini era il consigliere comunale di Vico nel Lazio, Franco Sabellico…
Mettiamo le cose in chiaro. I consensi ottenuti dal candidato voluto e sponsorizzato politicamente dalla coordinatrice provinciale sono stati appena 2 preferenze. Sabellico ha avuto 64 voti ponderati: il voto del candidato e quello di un suo collega amministratore a Vico nel Lazio. Senza alcun apporto politico della coordinatrice provinciale. Anche se il gruppo di Cassino avesse votato il candidato che ci era stato imposto, inserito nella lista in modo autonomo e senza alcuna strategia politica, i voti non sarebbero stati sufficienti per farlo eleggere.

 

La decisione di votare Rotondo l’avete presa in accordo con Mario Abbruzzese?
No. Quando abbiamo capito che Noi con salvini non sarebbe stata rappresentata in Provincia proprio a causa di una totale assenza di strategia politica, abbiamo fatto da noi. Per consentire al movimento di essere rappresentato, almeno indirettamente, nel massimo Organo politico-amministrativo Provinciale, abbiano siglato un’intesa con un candidato del centrodestra. Il sindaco di Pontecorvo Anselmo Rotondo è la persona geograficamente e politicamente più vicina: i nostri voti erano determinanti. E lo abbiamo eletto.

 

Rotondo porta le idee di Salvini in Provincia?
Certamente. E lo ha già fatto. Il Patto già comincia a dare i primi risultati. Ad esempio con l’adozione di un provvedimento del Comune di Pontecorvo che ha contrastato e scongiurato l’apertura di un ambulatorio per gli immigrati richiedenti asilo politico, in Pontecorvo, a pochi passi da Cassino. Ovviamente con l’elezione di un rappresentante NCS sarebbe stato ancora più vantaggioso per il movimento ma purtroppo è mancata la strategia.

 

Insomma, respingete l’accusa d’essere la ruota di scorta di Forza Italia…
Questa è un’altra brutta figura fatta dalla signora Papaevangeliu. Ci accusa di vicinanza a Forza Italia ma è stata lei a siglare l’accordo provinciale con il centrodestra, dove Forza Italia è parte integrante. Il gruppo di Cassino si è limitato esclusivamente a sollecitare la Papaevangeliu a proporre un accordo politico capace di eleggere un nostro rappresentante in consiglio provinciale. Sollecitazioni disattese dalla coordinatrice. E tenuto conto delle scarse attività di sensibilizzazione del coordinamento provinciale sul territorio, il nostro gruppo, davanti ad un risultato oramai scontato, ha cercato di rimediare all’incapacità politica di chi si dichiara coordinatore provinciale.

 

Incapacità politica?
Guardare cosa è successo ad Alatri. Ha presentato negli uffici dell’onorevole Antonello Iannarilli (di Forza Italia) la lista di Noi con Salvini alle Comunali. Dove non si è nemmeno candidata. E come risultato il Movimento si è visto escludere dal consiglio comunale di Alatri, avendo raggiunto appena una manciata di voti. E’ abilità politica?

 

A Cassino c’è un nuovo coordinatore: voi sollevate il caso del vice…
Secondo quanto divulgato in questi giorni dal coordinatore provinciale Kristalia Papaevangeliu, ci sarebbero nuove cariche di coordinatore e vice coordinatore di NCS di Cassino. La nomina del vice coordinatore viene ufficializzata dal comunicato stampa inviato dal provinciale e di cui siamo in possesso. Il nome del vice poi scompare. Forse perché ci si è accorti che il suo certificato penale non risponde con le guida dettate da Matteo Salvini?

 

Lavorerete con il nuovo coordinatore comunale, il dottor Violo?
Non ho ricevuto alcun documento che attesti la mia revoca alla guida del movimento. Quindi se sono ancora in carica non vedo come possa esserci anche un altro coordinatore. E poi urge una precisazione circa il “nuovo”coordinatore. A dire della Papaevangeliu, il “fresco”coordinatore, sarebbe stato indicato anche da qualche partito come candidato a sindaco nelle scorse elezioni amministrative a Cassino. Ciò è frutto di una pura follia politica e da un’immaginazione politica che il “nuovo” nominato soffre da diverso tempo. Io ho partecipato in qualità di coordinatore NCS Cassino al tavolo delle consultazioni con i partiti e forze civiche alleate per l’individuazione del candidato. Posso attestare che il suo nome non ha sfiorato il pensiero di nessuno degli addetti ai lavori.

 

Ma cosa state facendo di Salviniano nel Comune di Cassino?
Voglio tranquillizzare Papaevangeliu: siamo impegnati insieme all’amministrazione D’Alessandro sul fronte sicurezza e immigrati. Contiamo due consiglieri comunali in maggioranza ed un Vice sindaco. I risultati che sono davanti gli occhi di tutti. Abbiamo adottato provvedimenti importanti contro il fenomeno incontrollato dell’immigrazione in città. Aderendo al progetto SPRAR, grazie ad una clausola, abbiamo messo un freno all’arrivo di nuovi immigrati. Abbiamo emesso ordinanze di sgombero per le palazzine di Via Vaglie e via Arigni che ospitavano immigrati. Provvedimenti che hanno perfino attirato l’attenzione dei massa media nazionali. RRete 4 che ha eseguito una diretta dal palazzo municipale per questa fantastica operazione. La coordinatrice provinciale tramite sms si è congratulata con tutto il gruppo di Cassino per il grande risultato ottenuto. Ora invece dichiara l’esatto contrario!

 

E’ un po’ amareggiato?
Siamo veramente stufi di leggere cialtronerie di persone che non rappresentano in alcun modo le politiche di Matteo Salvini. E che parlano a titolo personale. Un linguaggio che non ci appartiene. Noi siamo e saremo sempre al servizio della gente, impegnati a diffondere sul territorio le idee e le politiche ispirate da Matteo Salvini.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright